Renzi cancella la tassa sulla prima casa: è l’uomo della svolta o un politico in difficoltà?

La tassa sulla prima casa verrà davvero abolita come annunciato dal premier Matteo Renzi entro il 2016 oppure si tratta dell’ennesimo tentativo di un politico in difficoltà per recuperare consensi? È la domanda che si stanno ponendo milioni di italiani all’indomani delle dichiarazioni con cui il presidente del Consiglio ha annunciato di voler cancellare l’imposta che in dieci anni ha  cambiato tre volte il nome (da Ici a Imu e, infine, a Tasi) ma è sempre rimasta al suo posto, continuando a prosciugare i portafogli dei cittadini,  storicamente in maggioranza proprietari dell’immobile in cui abitano, per alimentare le casse delle amministrazioni pubbliche. Una domanda che Casavuoisapere “gira ai lettori”: sarà davvero la volta buona, dopo dieci anni di tormentone, oppure neanche Matteo Renzi avrà il “coraggio” di togliere ai Comuni italiani una delle prime fonti di reddito? Ai sostenitori del no, quelli convinti che si tratti dell’ennesimo bluff “perché cane non morde cane e perché  sarebbe quantomeno un’anomalia in Italia che dei politici facessero la guerra a degli amministratori pubblici, togliendo loro risorse”,  i fautori del sì rispondono con un’altra motivazione: “la stangata sulla prima casa è uno dei principali motivi per cui l’elettorato ha deciso di non dare più fiducia ad alcun politico, non andando al voto, e i politici non possono continuare a perdere consensi, a veder la gente fuggire dai seggi, perché senza elettori non ci sono neanche eletti…” . Ipotesi possibili. Una realtà indiscutibile è invece che quella della stangata sul mattone, ribadita, recentissimamente dai rappresentanti di Confedilizia che hanno denunciato come negli ultimi quattro anni  le imposte locali sugli immobili si siano quasi triplicate, passando dai 9 miliardi di gettito Ici del 2009 ai circa 25 miliardi tra Imu e Tasi dello scorso anno. L’ennesimo colpo basso assestato da una classe politica incapace di governare ma abilissima nel “rapinare” i cittadini attraverso una tassa destinata a colpire quello che per decenni ha rappresentato per milioni di lavoratori il bene rifugio, il mattone? Sono sempre più italiani  pensarlo, tartassati, da dieci anni, da un’imposta introdotta  nella Finanziaria ‘lacrime e sangue’ di Giuliano Amato dell’11 luglio 1992 (allora si chiamava Isi, imposta straordinaria sugli immobili), diventata poi  Ici diventò,  eliminata da Silvio Berlusconi (che sul taglio della tassa sulla prima casa provò senza riuscirci per pochissimo a battere Prodi nel 2006) e infine trasformata in Imu   con  il “professor” Mario Monti, cacciato dalla cattedra dopo pochi mesi per aver dimostrato di non essere esattamente, almeno come premier, un grande insegnante. Ora l’ultima puntata, con la “promessa” fatta da Matteo Renzi all’Expo. Sarà mantenuta, confermando che l’ex sindaco di Firenze potrà essere l’uomo della svolta per l’Italia, o è solo un “remake” della carta giocata il 3 aprile 2006 da Silvio Berlusconi, che  all’ultimo faccia a faccia televisivo tra i due candidati premier alle politiche 2006, il cavaliere, appunto, e Romano Prodi, consapevole che i sondaggi lo davano per sconfitto, all’ultimo minuto si era giocato a sorpresa l’asso, affermando: “Avete capito bene, aboliremo l’Ici sulle prime case”? I lettori di www.casavuoisapere cosa ne pensano?

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Jimmy ha detto:

    Ogni proprietario di prima casa non vada più a votare nessun esponente politico di qualsiasi partito che non abbia cancellato questa tassa!!!!. Delegittimiamoli!!!

  • Giovanna ha detto:

    I politici le case le comprano o affittano a pochi euro, da amici… A loro interessa solo intascare un sacco di soldi, spremendo come limoni OPERAI e IMPIEGATI che ci hanno impiegato 3o anni a pagare i mutui facendo sacrifici e non andando in vacanza, per mantenere in vita un cadavere qual è la macchina politico amministrativa di questo Paese. Se non li costringiamo a cambiare siamo noi gli imbecilli. Loro i furbi (cialtroni, a volte delinquenti, ma indubbiamente furbi…)

  • CasaVuoiSapre - segui questo postSegui discussione
    Il consiglio dell’architetto
    Vorreste “ridisegnare” la casa? mandateci una mappa….
    … indicando come vorreste modificare gli ambienti
    Le vostre domande
    Qui potete dialogare con i migliori esperti: dall’avvocato al commercialista, dal notaio all’architetto….
    VITA CONDOMIIALE
    Barbecue sul terrazzo o in giardino, cosa fare per evitare di avere “guai” con i vicini…
    Tempo d’estate, tempo di serate all’aperto, sul terrazzo o in giardino, con un piatto di carne cucinata su un barbecue.
    Il rischio, tuttavia, è quello di accendere, insieme al fuoco, anche l’ira dei vicini ....
    cliccate qui per proseguire la lettura
    Oggetti d’arredo
    Cliccate qui per visualizzare gli oggetti d’arredo selezionati per voi da CasaVuoiSapere
    Animali in casa
    Cliccate nell’area “le vostre domande” per lasciare un quesito al dottor Ezio Caccianiga oppure inviate una e mail all’indirizzo di posta info@casavuoisapere.it Per contattare direttamente dottor Caccianiga, tel 335 230358 Leggi tutte le domande
    Un fiore di casa
    A cura di Emiliano Amadei, campione italiano fioristi. e mail: info@fioreriaamadei.it Tel. 035 530112 Leggi le domande e le risposte
    Casa Vacanze
    Saint-Maximin-la-Sainte-Baum La villa che tinge d’azzurro il verde della Provenza Leggi le proposte selezionate
    La casa ideale per chi…
    CASA VUOI VEDERE
    L’acquirente
    visita
    casa vostra
    on line
    LAVORI IN CASA
    L’artigiano
    ti fa vedere
    quanto è bravo
    nel suo mestiere
    Fabbri, falegnami e vetrai, imbianchini, idraulici, elettricisti, parquettisti e piastrellisti, installatori e manutentori d’impianti di riscaldamento o raffrescamento, impianti antifurto o domotici, antennisti, professionisti nel trattamento di cotto, parquet e marmo, nelle disinfestazioni, del giardinaggi… Cercate qui i migliori artigiani edili.
    IL VOSTRO PROGETTO
    Inviate info@casavuoisapere.it una mappa catastale (o una mappa sufficientemente chiara) di un appartamento che vorreste ristrutturate. Potreste avere un progetto gratis. A cura dell’architetto Roberto Canavesi
    Per la vostra pubblicità

    www.casavuoisapere.it
    è un progetto editoriale Baskerville srl comunicazione & Immagine
    via Garibaldi 26 Bergamo
    tel 035.216.551


    Consulenza tecnica
    Daniele Gusmini
    ULTIMI COMMENTI
     
    Affitto troppo alto?...
    Affitto a riscatto: ...
     
     
     
    Catellani & Smith, l...
    Mauro Piccamiglio vi...
     
     
    Tasse, che stangata!...
     
     
     
     
     
     
     
     
    Umidità e muffa, un...
    Scale in legno e rin...
     
     
    Vendere casa ma abit...
    Condominio Casa clim...
    Case nuove e già ve...
     
    Attenti ai debiti di...
    Il costo di una casa...
    Le 10 regole per acq...
     
    I Molini macinano af...
    Almenno, le villette...
     
     
     
     
     
     
    Il prezzo è giusto?...
     
     
     
    Carlos De Carvalho...
    Edilnova, 100 anni d...
     
     
    Ridisegnamo casa vos...
    Guatterini, la quali...
     
     
    Val Brembana, le sec...
    Stranieri in riva al...
     
     
    Risparmio energetico...
     
     
     
    Negozi, i borghi li ...
    Ufficio in centro ad...
    Il crollo dei capann...
     
    Se il vicino è un n...
     
     
    Ci sono oggetti d'arredo di cui vorremmo sbarazzarci e che magari altri stanno proprio cercando…. Per mettere on line l'usato (ma anche il nuovo) che volete vendere o acquistare basta inviare una e mail a casaviuoisapere@casavuoisapere.it o a baskerville@baskervillesrl.it con un breve testo descrittico, un contatto e mail / telefonico e un'idea del la cifra che vorreste ottenere / pagare…..