Crolla Eire, fiera del Real estate. È fallito un sistema immobiliare non più credibile?

Esiste una vera “community” del settore immobiliare, che voglia nei fatti, al di là delle intenzioni o del pregevolissimo personale tentativo di qualche manager o imprenditore,  giocare una partita reale per la trasformazione del Paese, generando credibilità e autorevolezza? Se a farsi una simile domanda è un signore che si chiama Antonio Intiglietta e che per anni ha presieduto Ge.Fi, Gestione Fiere Spa, organizzando uno dei più importanti eventi del settore immobiliare, l’Eire, ovvero l’Expo Italia Real Estate ospitato alla Fiera di Milano, è preoccupante. Ma ancor più preoccupante, anzi drammaticamente allarmante per il mondo immobiliare (e soprattutto per tutti quei suoi componenti che non hanno mai saputo capire e fare il gioco di squadra, gestendo ognuno il proprio orticello senza mai avere la lungimiranza di guardare oltre il recinto,) è la risposta che Antonio Intiglietta  si è dato: faccio molta fatica  a individuarla. Il che, tradotto, significa un no.

Quando l’economia tirava  c’erano grandi immobiliaristi, la crisi li ha fatti piccoli piccoli

E se a tutto questo si aggiunge il fatto che domanda e risposta sono inserite nel comunicato con il quale il presidente di Ge.Fi annuncia “l’annullamento della manifestazione Eire – Expo Italia Real Estate 2015”, ecco che il quadro che mostra la realtà del settore immobiliare italiano si fa  nerissimo. Con tanti, troppi responsabili del settore capaci per decenni, in passato, in tempi in cui l’economia tirava, di aprire cantieri e far alzare edifici e incapaci, negli ultimi sette anni, travolti da una crisi difficilissima, di impedire che i cantieri chiudessero, che mattone crollasse, che il mercato si abbassasse ai livelli impensabili. Ecco il testo integrale della comunicazione inviata da Antonio Intiglietta  a centinaia di  operatori del settore.  “In questi 10 anni di Eire  abbiamo lavorato con grande impegno e serietà per fornire a tutto il sistema del Real Estate italiano una piattaforma di incontro per conoscersi, conoscere e confrontarsi.

Che fatica, per anni, far incontrare imprenditori, pubblica amministrazione, finanza…

Non senza fatica abbiamo cercato di coinvolgere soggetti imprenditoriali, manager, la pubblica amministrazione e il sistema finanziario del Paese. Abbiamo, infatti, ritenuto che fosse indispensabile realizzare un luogo di incontro che, in qualche modo, potesse far emergere le esigenze del settore e contribuisse a indicare una prospettiva. In quest’ottica, Eire ha tentato di aiutare il settore a rappresentarsi nei confronti della opinione pubblica e del Governo. Nell’ambito della rassegna, abbiamo anche lavorato per coinvolgere operatori e investitori internazionali, con l’obiettivo di centrare l’interesse sul nostro grande Paese. In effetti, in tanti hanno accolto il nostro invito allo scopo di approfondire le grandi opportunità illustrate nel corso della kermesse. Con umiltà ma, allo stesso tempo, con certezza possiamo, in tal senso, affermare che il tentativo messo in campo da Eire s’è rivelato positivo, poiché ha posto alla ribalta della comunità internazionale del Real Estate fatti, giudizi, esperienze e modelli. Sin dall’inizio, e in particolare in questi ultimi anni, continuiamo a interrogarci sul futuro del settore e dell’evento. Nonostante la significativa perdita economica che nelle edizioni più recenti ha comportato l’organizzazione della manifestazione, abbiamo sostenuto grandi investimenti per garantire un appuntamento adeguato alle sfide del settore. Da imprenditore sono, infatti, convinto che non sia il guadagno la ragione prima di una attività ma occorre che ciò che si fa e le energie che si spendono abbiano un senso, una prospettiva. Occorre che siano utili a un “soggetto”, a un comparto e che questa utilità sia riconosciuta.

Il sistema immobiliare è strategico per il nostro Paese ma ha una prospettiva?

Devo dire, con grande sincerità e dopo una lunga riflessione, che faccio fatica ad identificare una vera “community” del settore, che voglia nei fatti – al di là delle intenzioni o del pregevolissimo personale tentativo di qualche manager o imprenditore – giocare una partita reale per la trasformazione del Paese, generando credibilità e autorevolezza. Ringraziamo di cuore tutti coloro che hanno voluto investire nell’evento, soprattutto negli ultimi anni, ma la quantità dei soggetti disposti a giocare un ruolo da protagonisti non costituisce, al momento, una “massa critica” sufficiente alla realizzazione dell’evento stesso. Per queste ragioni, riteniamo che non vi siano più le condizioni per il suo ripetersi. Come ho già avuto modo di sostenere appena terminata la scorsa edizione, la vita è una e va spesa bene, dandole un senso. Le auguriamo buon lavoro auspicando che l’intero sistema immobiliare, strategico per il nostro Paese, voglia e possa trovare una reale prospettiva, certi di avervi in qualche modo contribuito in questi 10 anni di storia”.

pubblicato il 1 Ottobre 2014 da
in News
tag: Antonio Intiglietta, Eire, Expo Italia Real Estate, Ge.Fi, Gestione Fiere Spa
commenti: 1

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Gabriele ha detto:

    Egregio dottor Intiglietta, posso rivolgerle una domanda? Il semplice sospetto che l’era delle fiere sia terminata, che simili eventi siano ormai anacronistici e, che non generino più alcun business, che non servano a fare community non non l’ha neppure sfiorata?

  • CasaVuoiSapre - segui questo postSegui discussione
    Il consiglio dell’architetto
    Vorreste “ridisegnare” la casa? mandateci una mappa….
    … indicando come vorreste modificare gli ambienti
    Le vostre domande
    Qui potete dialogare con i migliori esperti: dall’avvocato al commercialista, dal notaio all’architetto….
    VITA CONDOMIIALE
    Barbecue sul terrazzo o in giardino, cosa fare per evitare di avere “guai” con i vicini…
    Tempo d’estate, tempo di serate all’aperto, sul terrazzo o in giardino, con un piatto di carne cucinata su un barbecue.
    Il rischio, tuttavia, è quello di accendere, insieme al fuoco, anche l’ira dei vicini ....
    cliccate qui per proseguire la lettura
    Oggetti d’arredo
    Cliccate qui per visualizzare gli oggetti d’arredo selezionati per voi da CasaVuoiSapere
    Animali in casa
    Cliccate nell’area “le vostre domande” per lasciare un quesito al dottor Ezio Caccianiga oppure inviate una e mail all’indirizzo di posta info@casavuoisapere.it Per contattare direttamente dottor Caccianiga, tel 335 230358 Leggi tutte le domande
    Un fiore di casa
    A cura di Emiliano Amadei, campione italiano fioristi. e mail: info@fioreriaamadei.it Tel. 035 530112 Leggi le domande e le risposte
    Casa Vacanze
    Saint-Maximin-la-Sainte-Baum La villa che tinge d’azzurro il verde della Provenza Leggi le proposte selezionate
    La casa ideale per chi…
    CASA VUOI VEDERE
    L’acquirente
    visita
    casa vostra
    on line
    LAVORI IN CASA
    L’artigiano
    ti fa vedere
    quanto è bravo
    nel suo mestiere
    Fabbri, falegnami e vetrai, imbianchini, idraulici, elettricisti, parquettisti e piastrellisti, installatori e manutentori d’impianti di riscaldamento o raffrescamento, impianti antifurto o domotici, antennisti, professionisti nel trattamento di cotto, parquet e marmo, nelle disinfestazioni, del giardinaggi… Cercate qui i migliori artigiani edili.
    IL VOSTRO PROGETTO
    Inviate info@casavuoisapere.it una mappa catastale (o una mappa sufficientemente chiara) di un appartamento che vorreste ristrutturate. Potreste avere un progetto gratis. A cura dell’architetto Roberto Canavesi
    Per la vostra pubblicità

    www.casavuoisapere.it
    è un progetto editoriale Baskerville srl comunicazione & Immagine
    via Garibaldi 26 Bergamo
    tel 035.216.551


    Consulenza tecnica
    Daniele Gusmini
    ULTIMI COMMENTI
     
    Affitto troppo alto?...
    Affitto a riscatto: ...
     
     
     
    Catellani & Smith, l...
    Mauro Piccamiglio vi...
     
     
    Tasse, che stangata!...
     
     
     
     
     
     
     
     
    Umidità e muffa, un...
    Scale in legno e rin...
     
     
    Vendere casa ma abit...
    Condominio Casa clim...
    Case nuove e già ve...
     
    Attenti ai debiti di...
    Il costo di una casa...
    Le 10 regole per acq...
     
    I Molini macinano af...
    Almenno, le villette...
     
     
     
     
     
     
    Il prezzo è giusto?...
     
     
     
    Carlos De Carvalho...
    Edilnova, 100 anni d...
     
     
    Ridisegnamo casa vos...
    Guatterini, la quali...
     
     
    Val Brembana, le sec...
    Stranieri in riva al...
     
     
    Risparmio energetico...
     
     
     
    Negozi, i borghi li ...
    Ufficio in centro ad...
    Il crollo dei capann...
     
    Se il vicino è un n...
     
     
    Ci sono oggetti d'arredo di cui vorremmo sbarazzarci e che magari altri stanno proprio cercando…. Per mettere on line l'usato (ma anche il nuovo) che volete vendere o acquistare basta inviare una e mail a casaviuoisapere@casavuoisapere.it o a baskerville@baskervillesrl.it con un breve testo descrittico, un contatto e mail / telefonico e un'idea del la cifra che vorreste ottenere / pagare…..