Epidemia di debiti in condominio, il nuovo “contagio” che spaventa gli inquilini

È stato “contagiato”, si è “aggravato” in molti casi rischia addirittura di “morire”. È il mattone, colpito duramente dalla crisi economica causata dal Coronavirus che ha avuto e avrà effetti devastanti in tutti i settori economici, fra cui proprio il mondo immobiliare. Con conseguenze devastanti anche sulla “salute” dei condomini, visto che la carenza di liquidità determinerà il blocco delle manutenzioni ordinarie, nonché di quelle straordinarie con il risultato, facilmente prevedibile, di un progressivo degrado urbanistico, non solo delle periferie, ma anche dei centri storici. Hinterland e antichi borghi dove molte attività commerciali, industriali e professionali chiuderanno, dove molti conduttori, sia di immobili commerciali sia abitativi, non saranno in grado di pagare i canoni e verranno gettati sul lastrico. In altre parole: il pericolo, elevatissimo, è di doverci apprestare a vivere un inverno terribile e dunque non c’è tempo da perdere, magari fra interventi palliativi o di distribuzione a pioggia di risorse: quello che si spende oggi deve costituire la base per il futuro, il poco “grano” che si ha va utilizzato per la semina se si vuole aver un buon raccolto. La prima emergenza riguarda le utenze per i servizi essenziali: acqua, gas, energia elettrica. Come agire? Le multiutility, ovvero le società che si occupano di erogazione di più servizi pubblici, dovranno rateizzare, per tutti gli utenti, gli importi relativi al 2020 e 2021 consentendo una restituzione “sostenibile” in rate mensili di pari entità in un periodo sufficientemente lungo (cinque anni?) a un tasso sufficientemente basso (dello 0,5 per cento), con credito garantito dallo Stato o dagli enti locali. La stessa strada da seguire per le utenze collettive in condominio, evitando la solidarietà, sospendendo i distacchi, non consentendo il pignoramento del conto corrente. Una seconda emergenza riguarda le spese condominiali per servizi e manutenzioni ordinarie: negli edifici condominiali, che sono oltre un milione e quattrocentomila, vivono 28 milioni di persone. Con la crisi le morosità, già elevate prima della pandemia, si amplificheranno, i conti correnti verranno pignorati e i condòmini confinati in case senza energia elettrica, riscaldamento, pulizie, possibilità di usare gli ascensori. Fin troppo facile prevedere una nuova “epidemia” di conflitti sociali, di enormi problemi di ordine pubblico contro i quali esiste un solo “vaccino”: consentire l’accesso a un prestito analogo a quello previsto per le imprese, ma che sia riferito alle spese condominiali per il 2020, 2021. Con lo Stato che dovrebbe farsi garante di un prestito pari all’ammontare delle spese condominiali correnti per i servizi essenziali, importo desumibile dai rendiconti ordinari dell’ultimo biennio e asseverato dall’amministratore. Prestito in questo caso più lungo, (di durata decennale?) concesso dalle banche a tasso 0,5 per cento. Il rimborso delle quote, di natura parziaria, in caso di morosità, non dovrebbe comportare la responsabilità sussidiaria dei condòmini non in mora. Lo Stato potrebbe ottenere, a garanzia, un’ipoteca legale pari all’erogazione del prestito sul bene condominiale del singolo sino alla estinzione delle rate. Il prestito, stante la non solidarietà e la bassa onerosità, dovrà essere obbligatorio per tutti i partecipanti al condominio e deliberato con la maggioranza come previsto dal Codice civile. Le cifre stanziate dovranno essere rese disponibili in un conto corrente bancario segregato, e dunque separato e protetto, finalizzato ai pagamenti dei fornitori con il prelievo dei fondi consentito solo su emissione di fattura elettronica, individuando semplici strumenti di verifica per evitare distrazione di risorse per altre finalità o il pignoramento da parte di terzi. I vantaggi sarebbero enormi: si eviterebbe la miseria a milioni di famiglie, i fornitori verrebbero pagati, i dipendenti non sarebbero licenziati. E i condomìni otterrebbero sconti sui corrispettivi, avendo i fornitori la certezza di ricevere il pagamento. Terza emergenza: la difficoltà nel pagare i canoni di locazione. In questo caso può essere d’aiuto prevedere un credito d’imposta al 100 per cento per tutte le locazioni commerciali; l’esclusione dal pagamento di imposte sui canoni non percepiti per tutte le tipologie di locazioni; un sostegno economico ai conduttori in difficoltà attraverso l’estensione e la semplificazione delle procedure di accesso al fondo per la morosità incolpevole; la riduzione proporzionale dell’Imi per l’anno in corso per i proprietari che certificano il mancato pagamento dell’affitto e rimborso della Tari per le attività bloccate a causa dell’epidemia e per le seconde case non accessibili; la riforma delle locazioni commerciali con estensione ai contratti a uso diverso del meccanismo e delle agevolazioni previste dalla Legge che disciplina le locazioni.

Articolo realizzato da Vincenzo Vecchio (dirigente nazionale Appc e direttore centro studi Abiconf)

 

Leggi anche:

Sindaci, volete davvero aiutare chi è in difficoltà a pagare le bollette? 

 

 

 

 

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il consiglio dell’architetto
Vorreste “ridisegnare” la casa? mandateci una mappa….
… indicando come vorreste modificare gli ambienti
Le vostre domande
Qui potete dialogare con i migliori esperti: dall’avvocato al commercialista, dal notaio all’architetto….
VITA CONDOMIIALE
Barbecue sul terrazzo o in giardino, cosa fare per evitare di avere “guai” con i vicini…
Tempo d’estate, tempo di serate all’aperto, sul terrazzo o in giardino, con un piatto di carne cucinata su un barbecue.
Il rischio, tuttavia, è quello di accendere, insieme al fuoco, anche l’ira dei vicini ....
cliccate qui per proseguire la lettura
Oggetti d’arredo
Cliccate qui per visualizzare gli oggetti d’arredo selezionati per voi da CasaVuoiSapere
Animali in casa
Cliccate nell’area “le vostre domande” per lasciare un quesito al dottor Ezio Caccianiga oppure inviate una e mail all’indirizzo di posta info@casavuoisapere.it Per contattare direttamente dottor Caccianiga, tel 335 230358 Leggi tutte le domande
Un fiore di casa
A cura di Emiliano Amadei, campione italiano fioristi. e mail: info@fioreriaamadei.it Tel. 035 530112 Leggi le domande e le risposte
Casa Vacanze
Saint-Maximin-la-Sainte-Baum La villa che tinge d’azzurro il verde della Provenza Leggi le proposte selezionate
La casa ideale per chi…
CASA VUOI VEDERE
L’acquirente
visita
casa vostra
on line
LAVORI IN CASA
L’artigiano
ti fa vedere
quanto è bravo
nel suo mestiere
Fabbri, falegnami e vetrai, imbianchini, idraulici, elettricisti, parquettisti e piastrellisti, installatori e manutentori d’impianti di riscaldamento o raffrescamento, impianti antifurto o domotici, antennisti, professionisti nel trattamento di cotto, parquet e marmo, nelle disinfestazioni, del giardinaggi… Cercate qui i migliori artigiani edili.
IL VOSTRO PROGETTO
Inviate info@casavuoisapere.it una mappa catastale (o una mappa sufficientemente chiara) di un appartamento che vorreste ristrutturate. Potreste avere un progetto gratis. A cura dell’architetto Roberto Canavesi
Per la vostra pubblicità

www.casavuoisapere.it
è un progetto editoriale Baskerville srl comunicazione & Immagine
via Garibaldi 26 Bergamo
tel 035.216.551


Consulenza tecnica
Daniele Gusmini
ULTIMI COMMENTI
 
Affitto troppo alto?...
Affitto a riscatto: ...
 
 
 
Catellani & Smith, l...
Mauro Piccamiglio vi...
 
 
Tasse, che stangata!...
 
 
 
 
 
 
 
 
Umidità e muffa, un...
Scale in legno e rin...
 
 
Vendere casa ma abit...
Condominio Casa clim...
Case nuove e già ve...
 
Attenti ai debiti di...
Il costo di una casa...
Le 10 regole per acq...
 
I Molini macinano af...
Almenno, le villette...
 
 
 
 
 
 
Il prezzo è giusto?...
 
 
 
Carlos De Carvalho...
Edilnova, 100 anni d...
 
 
Ridisegnamo casa vos...
Guatterini, la quali...
 
 
Val Brembana, le sec...
Stranieri in riva al...
 
 
Risparmio energetico...
 
 
 
Negozi, i borghi li ...
Ufficio in centro ad...
Il crollo dei capann...
 
Se il vicino è un n...
 
 
Ci sono oggetti d'arredo di cui vorremmo sbarazzarci e che magari altri stanno proprio cercando…. Per mettere on line l'usato (ma anche il nuovo) che volete vendere o acquistare basta inviare una e mail a casaviuoisapere@casavuoisapere.it o a baskerville@baskervillesrl.it con un breve testo descrittico, un contatto e mail / telefonico e un'idea del la cifra che vorreste ottenere / pagare…..