Quanto costa l’architetto o l’ingegnere? Il tribunale li paga meno della colf

Un professionista chiamato da un tribunale a stilare una perizia immobiliare, a dare un valore a una casa, un ufficio o un negozio, un capannone o un garage sottoposto a procedimento giudiziario, può essere pagato meno di un garzone di  bottega o di uno “stagista” alle prime armi, o di una collaboratrice domestica che rassetti i letti e passi lo straccio sul pavimento? In Italia può accadere anche questo. Grazie a una nuova normativa che sta scatenando l’ira di geometri, ingegneri, architetti chiamati a fare i Ctu, ovvero i consulenti tecnici d’ufficio presso il tribunale. Professionisti chiamati a fare un sopralluogo nell’immobile, ad analizzare lo stato di manutenzione ma anche a esaminare ogni parametro utile per verificarne il reale valore di mercato, e retribuiti, d’ora in poi, con una manciata di euro l’ora. Per l’esattezza 14,35 euro per la prima ora e 8,16 euro per l’ora successiva. Netti? Macchè: lordi. E, come non bastasse, con la prospettiva di incassarli magari dopo mesi se non addirittura anni. Ovviamente anticipando, di tasca propria le spese per le trasferte… A determinare questa situazione, definita da più di un diretto interessato semplicemente scandalosa e denunciata in piùd’un documento inviata da ordini professionali di ingegneri e architetti al ministero, è stata la decisione, adottata dal Governo a inizio agosto, mentre la maggior parte degli italiani era in vacanza, di modificare in maniera sostanziale i rapporti che intercorrono tra tutte le figure coinvolte in ambito fallimentare societario e nelle esecuzioni mobiliari e immobiliari decidendo i nuovi compensi e stabilendo che ogni somma potrà essere liquidata ai professionisti estimatori, quelli che generalmente chiamiamo Ctu, solo dopo la vendita dell’immobile e il compenso sarà calcolato in percentuale sull’effettivo valore di vendita dell’immobile stesso.

La tariffa oraria per una perizia per il tribunale? Otto euro lordi…

Prevedendo inoltre che in nessun caso prima della vendita “possano essere liquidati acconti in misura superiore al 50 per cento dell’onorario calcolato sulla base del valore di stima”, con la possibilità, per i giudici, di aver mano libera solo nel liquidare il rimborso delle spese. Tradotto in “soldoni” convertendo nella legge 6 agosto 2015 n° 132  il decreto-legge 27 giugno 2015, n. 83 in materia di “misure urgenti in materia fallimentare, civile e processuale civile e di organizzazione e funzionamento dell’amministrazione giudiziaria”  il Governo ha creato  i presupposti per situazioni paradossali. Un esempio? Prima che l’immobile venga effettivamente alienato alle aste giudiziarie possono passare anche due o tre anni e questo comporta che il consulente del giudice sarà ricompensato (malissimo) per il suo lavoro dopo un tempo decisamente poco ragionevole. Ma non è tutto: il valore dell’immobile viene correttamente determinato sulla base del mercato immobiliare al momento della consegna della perizia; se l’immobile viene venduto dopo anni, con immobili giacenti nelle aste immobiliari da più di 5 o 6, sicuramente il valore è diverso e pertanto il perito non verrà ricompensato sull’effettivo lavoro svolto nella stesura della perizia.

… che per di più potrebbero essere saldati dopo anni d’attesa

Una situazione difficile da accettare, forse addirittura anticostituzionale, come ha ipotizzato un professionista ricordando che attualmente in Italia ci sono quasi 26mila aste immobiliari giudiziarie aperte. E a chi ancora nutrisse dubbi sull’insostenibilità della situazione,  un recente caso,  avvenuto a Bergamo, dovrebbe far riflettere: un perito del Tribunale  chiamato a determinare il valore commerciale di tre appartamenti, tutti nello stesso stabile e tutti con simili caratteristiche, dopo aver valutato un unico prezzo al metro quadrato per tutti e tre gli appartamenti e dopo averli visti mettere all’asta contemporaneamente ha dovuto “prendere atto” del fatto che  uno è stato venduto alla prima asta al prezzo di perizia; un altro è stato venduto dopo un anno a un valore inferiore del 30 per cento; il terzo dopo due anni a circa il 50 per cento in meno del valore di perizia. Di fronte all’evidente correttezza della perizia, confermata dal fatto che il primo appartamento è stato alienato, è giusto, è normale che quel perito venga ricompensato in rapporto al prezzo di vendita sensibilmente ridotto degli altri due  appartamenti, si è domandato un suo collega? Aggiungendo, ironicamente: forse chi ha varato la nuova norma pensa che i professionisti del mattone possiedano una  sfera di cristallo grazie alla quale possono determinare a priori gli andamenti del mercato immobiliare…

Una norma destinata a punire i professionisti e favorire le banche?

Ma perché una simile decisione  destinata a colpire decine di migliaia di lavoratori? Una possibile risposta qualcuno se l’è data: per favorire le banche. Il perché potrebbe essere spiegato facendo un passo indietro nel tempo, fino a giungere al periodo precrisi,  prima del 2008 quando gli istituti di credito rilasciavano mutui per la casa a tassi d’interessa favorevolissimi e senza prestare neppure troppe attenzioni alle garanzie dei clienti, arrivando addirittura a elargire non solo il 100 per cento del prezzo d’acquisto dell’immobile, ma il 120 per cento e, in impeti di generosità verso “clienti particolari” anche il 130 per cento del valore dell’immobile. Una volta esplosa la crisi chi aveva ottenuto il mutuo si è ritrovato spessissimo in difficoltà a pagarne le rate e le banche hanno quindi proceduto a pignorare gli immobili. Con l’atto di pignoramento presso il tribunale, la banche devono sostenere il costo della pratica legale dell’avvocato e il costo della perizia del Ctu. E’ possibile che abbiano chiesto (e ottenuto)  di “tagliare” questa spesa? 

Testo realizzato da Baskerville srl per www.casavuoisapere.it

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • CTU_da_20_anni ha detto:

    Complimenti per l’articolo, finalmente c’è qualcuno che prende una posizione onesta e sincera su quello che sta accadendo! Faccio anche notare che le banche difficilmente pagano le fatture emesse da noi CTU entro i canonici 5 giorni dall’emissione della stessa. Faccio notare che una disposizione di un giudice, in questo caso il pagamento di quanto dovuto al CTU, è paragonata a una sentenza e quindi immediatamente esecutiva. Sarebbe ora che noi CTU si procedesse al pignoramento della sede della banca se entro 5 giorni la fattura non viene pagata!

  • Alessandro ha detto:

    E gli ordini professionali cosa fanno?

  • Paolo (Bergamo) ha detto:

    È proprio il silenzio delle associazioni, federazioni, ordini l’aspetto più preoccupante. Poi si lamentano del fatto che continuano a perdere associati: forse non hanno capito che l’unica ragione per la quale i professionisti si associano è per avere un servizio e per essere tutelati, non per pagare la quota associativa necessaria a pagare lo stipendio a qualche dirigente o impiegato…

  • Angela ha detto:

    A proposito di costi, quanto mi può far pagare un architetto (o basta un comune geometra?) per misurare alcuni immobili, per una superficie di circa 500 metri quadrati, in modo da avere le mappe catastali su cd? Buon fine settimana a tutti.

  • architettosenzalavoro ha detto:

    A proposito di quanto costa l’architetto, corrisponde al vero il fatto che un architetto che non lavora in proprio ma per un’amministrazione comunale di una città come Bergamo come dirigente possa arrivare a guadagnare anche 130 o 140mila euro lordi l’anno?

  • Marco Abbate ha detto:

    Solo per precisare che il compenso il consulente tecnico d’ufficio è si pari agli importi da voi riportati nell’articolo ma non è contabilizzato a ore bensì a vacazione, quindi, come riporta la norma, la singola vacazione sia pari a due ore. Da ciò segue, purtroppo, che gli importi (già lesivi del minimo decoro del lavoro professionale…) devono essere dimezzati se intesi per compenso orario….
    Cordiali saluti a tutti i colleghi Ctu.

  • Giovanni Battista Mantovani ha detto:

    È una vergogna con tutto che aumenta noi periti ci troviamo a ricevere compensi tardivi, sottopagati e con poco lavoro (ve ne fosse di lavoro). Io sono un perito assicurativo, la mia categoria è diversa, con poco lavoro e anche qui sottopagati, dunque nulla cambia, almeno le compagnie assicuratrici ci pagano. Non mi sono mai iscritto come Ctu ma pensandoci bene come stanno peggiorando le cose anche nei tribunali anziché migliorarle non saprei cosa dire……

  • Una proprietaria immobiliare ha detto:

    Anni fa un architetto mi ha chiesto migliaia di euro per la realizzazione di un progetto che, a suo dire, avrebbe sottoposto a un costruttore “molto interessato” ad acquistare un mio stabile, interamente da ristrutturare. In realtà, già pochi mesi dopo averlo saldato senza aver visto traccia dell’impresario, ho sempre sospettato che l’architetto mi abbia solo fatto credere che ci fosse un acquirente disposto ad acquistare la casa da ristrutturare e ad aprire il cantiere, solo per “vendermi” il suo progetto. Sospetto divenuto quasi certezza dopo che sono trascorsi mesi, anni senza notizie dell’impresario. Ora, per puro caso, ho avuto modo trovarmi con la figlia di quell’imprenditore e potrei facilmente farmi fissare un incontro così verificare se suo padre avesse mai davvero detto all’architetto d’essere interessato all’operazione (e ad avere un progetto) o se è solo una gigantesca frottola che si è inventato l’architetto. In quest’ultimo eventuale caso, chiedendo ovviamente all’impresario di testimoniare il suo eventuale disinteresse al l’operazione immobiliare (magari non ne sapeva neppure nulla?) potrei rivalermi sul professionista che mi avrebbe, a questo punto, bellamente buggerata? Grazie.

  • CasaVuoiSapre - segui questo postSegui discussione
    Il consiglio dell’architetto
    Vorreste “ridisegnare” la casa? mandateci una mappa….
    … indicando come vorreste modificare gli ambienti
    Le vostre domande
    Qui potete dialogare con i migliori esperti: dall’avvocato al commercialista, dal notaio all’architetto….
    VITA CONDOMIIALE
    Barbecue sul terrazzo o in giardino, cosa fare per evitare di avere “guai” con i vicini…
    Tempo d’estate, tempo di serate all’aperto, sul terrazzo o in giardino, con un piatto di carne cucinata su un barbecue.
    Il rischio, tuttavia, è quello di accendere, insieme al fuoco, anche l’ira dei vicini ....
    cliccate qui per proseguire la lettura
    Oggetti d’arredo
    Cliccate qui per visualizzare gli oggetti d’arredo selezionati per voi da CasaVuoiSapere
    Animali in casa
    Cliccate nell’area “le vostre domande” per lasciare un quesito al dottor Ezio Caccianiga oppure inviate una e mail all’indirizzo di posta info@casavuoisapere.it Per contattare direttamente dottor Caccianiga, tel 335 230358 Leggi tutte le domande
    Un fiore di casa
    A cura di Emiliano Amadei, campione italiano fioristi. e mail: info@fioreriaamadei.it Tel. 035 530112 Leggi le domande e le risposte
    Casa Vacanze
    Saint-Maximin-la-Sainte-Baum La villa che tinge d’azzurro il verde della Provenza Leggi le proposte selezionate
    La casa ideale per chi…
    CASA VUOI VEDERE
    L’acquirente
    visita
    casa vostra
    on line
    LAVORI IN CASA
    L’artigiano
    ti fa vedere
    quanto è bravo
    nel suo mestiere
    Fabbri, falegnami e vetrai, imbianchini, idraulici, elettricisti, parquettisti e piastrellisti, installatori e manutentori d’impianti di riscaldamento o raffrescamento, impianti antifurto o domotici, antennisti, professionisti nel trattamento di cotto, parquet e marmo, nelle disinfestazioni, del giardinaggi… Cercate qui i migliori artigiani edili.
    IL VOSTRO PROGETTO
    Inviate info@casavuoisapere.it una mappa catastale (o una mappa sufficientemente chiara) di un appartamento che vorreste ristrutturate. Potreste avere un progetto gratis. A cura dell’architetto Roberto Canavesi
    Per la vostra pubblicità

    www.casavuoisapere.it
    è un progetto editoriale Baskerville srl comunicazione & Immagine
    via Garibaldi 26 Bergamo
    tel 035.216.551


    Consulenza tecnica
    Daniele Gusmini
    ULTIMI COMMENTI
     
    Affitto troppo alto?...
    Affitto a riscatto: ...
     
     
     
    Catellani & Smith, l...
    Mauro Piccamiglio vi...
     
     
    Tasse, che stangata!...
     
     
     
     
     
     
     
     
    Umidità e muffa, un...
    Scale in legno e rin...
     
     
    Vendere casa ma abit...
    Condominio Casa clim...
    Case nuove e già ve...
     
    Attenti ai debiti di...
    Il costo di una casa...
    Le 10 regole per acq...
     
    I Molini macinano af...
    Almenno, le villette...
     
     
     
     
     
     
    Il prezzo è giusto?...
     
     
     
    Carlos De Carvalho...
    Edilnova, 100 anni d...
     
     
    Ridisegnamo casa vos...
    Guatterini, la quali...
     
     
    Val Brembana, le sec...
    Stranieri in riva al...
     
     
    Risparmio energetico...
     
     
     
    Negozi, i borghi li ...
    Ufficio in centro ad...
    Il crollo dei capann...
     
    Se il vicino è un n...
     
     
    Ci sono oggetti d'arredo di cui vorremmo sbarazzarci e che magari altri stanno proprio cercando…. Per mettere on line l'usato (ma anche il nuovo) che volete vendere o acquistare basta inviare una e mail a casaviuoisapere@casavuoisapere.it o a baskerville@baskervillesrl.it con un breve testo descrittico, un contatto e mail / telefonico e un'idea del la cifra che vorreste ottenere / pagare…..