Mutui casa, dopo otto anni vissuti sull’altalena adesso cosa succederà?

Un’altalena lunga nove anni. L’andamento del mercato dei mutui, dal 2008 al 2016, è stato disegnato su una strada piena di curve più o meno ampie, una strada passata attraverso l’inferno immobiliare per dirigersi finalmente, dopo anni di picchiata, nuovamente verso qualche “cima”. Le analisi biennali o triennali, in questi ultimi anni, si sono moltiplicate alla ricerca di segnali di ottimismo spesso nascosti fin troppo bene dietro quelle curve. Adesso, dopo tre anni positivi, di curve non se ne vedono più e la fatica sembra lontana. L’indice della domanda e quello delle erogazioni sono in positivo, con numeri a due cifre e le curve, insomma, non fanno più paura come invece nel 2008, quando la domanda e l’erogazione dei mutui, per il secondo anno consecutivo, subirono una diminuzione legata a politiche di credito largamente influenzate dal fenomento Subprime. Sembrava un fenomeno destinato a non durare molto, perché già nel 2009, nonostante un’erogazione ancora negativa, si era registrato un incremento delle richieste: ma il peggio doveva ancora arrivare. Il debito sovrano di alcuni Paesi dell’area Euro, tra i quali c’era anche l’Italia, ha creato, nel 2011, condizioni che hanno portato alla difficoltà di approvvigionamento degli istituti di credito italiani, con un conseguente inasprimento dei tassi. Fine del credito. Le richieste sono tornate a scendere (-19 per cento), le erogazioni anche (-12 per cento). Ed era  solo l’inizio della “scalata” più impegnativa: il 2012 ha toccato infatti picchi incredibili. La domanda di finanziamenti è scesa del 42 per cento, quella delle erogazioni addirittura del 46 per cento. Andare in banca a chiedere un mutuo era un po’ come andare in chiesa a chiedere una grazia. Ma anche le salite più dure prima o poi si spianano, come ben sanno passisti e velocisti. Ecco, allora, i primi interventi della Bce sulla riduzione dei tassi, con la conseguente diminuzione del differenziale fra Btp e Bund, cioè fra i Buoni del tesoro poliennali italiani e tedeschi: lo spread con la esse maiuscola, tanto per capirci, quello che per tanti mesi ha occupato le prime pagine dei giornali italiani. Il 2013 si è chiuso ancora in negativo, ma la domanda è scesa del 3 per cento, mentre le erogazioni sono diminuite del 14 per cento. Pianura, in pratica. Poi, nel 2014, è iniziata la discesa. I tassi di riferimento sono scesi ai minimi storici invogliando chi non osava varcare la soglia di una filiale a fare una visita al direttore. La domanda di mutui è salita del 15 per cento, l’erogazione del 13 per cento. La picchiata dei tassi ha portato, nel 2015, al boom delle surroghe, che hanno sfiorato i 30 miliardi di euro nei primi nove mesi dell’anno. Il volume dei flussi è risalito in modo impressionante al punto da fare registrare cifre da capogiro. Nonostante una situazione economica ancora non straordinaria, la domanda di mutui è infatti aumentata del 53 per cento, l’erogazione del 71 per cento. Numeri irripetibili e infatti, nel 2016, la crescita è diminuita, ma i volumi sembrano essersi assestati su dimensioni importanti. Siamo ancora lontani dai primi anni del Terzo millennio, ma di curve all’orizzonte sembrano essercene poche.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il consiglio dell’architetto
Vorreste “ridisegnare” la casa? mandateci una mappa….
… indicando come vorreste modificare gli ambienti
Le vostre domande
Qui potete dialogare con i migliori esperti: dall’avvocato al commercialista, dal notaio all’architetto….
VITA CONDOMIIALE
Barbecue sul terrazzo o in giardino, cosa fare per evitare di avere “guai” con i vicini…
Tempo d’estate, tempo di serate all’aperto, sul terrazzo o in giardino, con un piatto di carne cucinata su un barbecue.
Il rischio, tuttavia, è quello di accendere, insieme al fuoco, anche l’ira dei vicini ....
cliccate qui per proseguire la lettura
Oggetti d’arredo
Cliccate qui per visualizzare gli oggetti d’arredo selezionati per voi da CasaVuoiSapere
Animali in casa
Cliccate nell’area “le vostre domande” per lasciare un quesito al dottor Ezio Caccianiga oppure inviate una e mail all’indirizzo di posta info@casavuoisapere.it Per contattare direttamente dottor Caccianiga, tel 335 230358 Leggi tutte le domande
Un fiore di casa
A cura di Emiliano Amadei, campione italiano fioristi. e mail: info@fioreriaamadei.it Tel. 035 530112 Leggi le domande e le risposte
Casa Vacanze
Saint-Maximin-la-Sainte-Baum La villa che tinge d’azzurro il verde della Provenza Leggi le proposte selezionate
La casa ideale per chi…
CASA VUOI VEDERE
L’acquirente
visita
casa vostra
on line
LAVORI IN CASA
L’artigiano
ti fa vedere
quanto è bravo
nel suo mestiere
Fabbri, falegnami e vetrai, imbianchini, idraulici, elettricisti, parquettisti e piastrellisti, installatori e manutentori d’impianti di riscaldamento o raffrescamento, impianti antifurto o domotici, antennisti, professionisti nel trattamento di cotto, parquet e marmo, nelle disinfestazioni, del giardinaggi… Cercate qui i migliori artigiani edili.
IL VOSTRO PROGETTO
Inviate info@casavuoisapere.it una mappa catastale (o una mappa sufficientemente chiara) di un appartamento che vorreste ristrutturate. Potreste avere un progetto gratis. A cura dell’architetto Roberto Canavesi
Per la vostra pubblicità

www.casavuoisapere.it
è un progetto editoriale Baskerville srl comunicazione & Immagine
via Garibaldi 26 Bergamo
tel 035.216.551


Consulenza tecnica
Daniele Gusmini
ULTIMI COMMENTI
 
Affitto troppo alto?...
Affitto a riscatto: ...
 
 
 
Catellani & Smith, l...
Mauro Piccamiglio vi...
 
 
Tasse, che stangata!...
 
 
 
 
 
 
 
 
Umidità e muffa, un...
Scale in legno e rin...
 
 
Vendere casa ma abit...
Condominio Casa clim...
Case nuove e già ve...
 
Attenti ai debiti di...
Il costo di una casa...
Le 10 regole per acq...
 
I Molini macinano af...
Almenno, le villette...
 
 
 
 
 
 
Il prezzo è giusto?...
 
 
 
Carlos De Carvalho...
Edilnova, 100 anni d...
 
 
Ridisegnamo casa vos...
Guatterini, la quali...
 
 
Val Brembana, le sec...
Stranieri in riva al...
 
 
Risparmio energetico...
 
 
 
Negozi, i borghi li ...
Ufficio in centro ad...
Il crollo dei capann...
 
Se il vicino è un n...
 
 
Ci sono oggetti d'arredo di cui vorremmo sbarazzarci e che magari altri stanno proprio cercando…. Per mettere on line l'usato (ma anche il nuovo) che volete vendere o acquistare basta inviare una e mail a casaviuoisapere@casavuoisapere.it o a baskerville@baskervillesrl.it con un breve testo descrittico, un contatto e mail / telefonico e un'idea del la cifra che vorreste ottenere / pagare…..