Le liti condominiali causano stress e spese. Per evitarli usate mediazione e conciliazione

Si scrive liti condominiali, si pronuncia  iperproduzione di stress (che non fa bene alla salute) e  spese da sostenere per le parcelle degli avvocati (che non fanno bene al portafogli….). Controindicazioni decisamente poco simpatiche che possono essere però superate grazie alla conciliazione attraverso la mediazione. Una “via di fuga” da prendere in esame con grande attenzione perché può far risparmiare litri di bile e montagne di soldi, illustrata da uno dei più grandi esperti in materia, l’avvocato Bruno Fabrizio Guizzetti. Favorevolissimo a questa “nuova strada”, utilissima anche a ridurre la mole di cause che soffocano i tribunali rallentando il cammino della macchina della giustizia. ” Le liti condominiali continuano purtroppo a risultare numerosissime”, conferma Bruno Fabrizio Guizzetti, “e sono state alimentate in particolar modo,negli ultimi anni dalla morosità dei condomini nel pagamento delle spese condominiali. Un fenomeno che nella maggior parte dei casi è stata la diretta conseguenza della crisi economica (anche se  talvolta dipende invece dall’errata convinzione che “a pagare e a morire c’è sempre tempo”), e che non ha certo contribuito a raffreddare gli animi nelle assemblee condominiali. Ma fra vicini si continua a litigare spessissimo anche per ragioni diverse: numerosissime sono, per esempio, le cause per impugnazione delle delibere condominiali, aumentate notevolmente a seguito dell’entrata in vigore, nel giugno 2013, della legge di riforma del condominio che ha modificato molto gli obblighi e le mansioni degli amministratori, obbligando quest’ultimi a mettere in soffitta prassi consolidate ma non appropriate”. Centinaia, migliaia di “gatte da pelare” per gli  amministratori condominiali che non si trovano ad affrontare solo le liti fra condomini, ma spesso anche  quelle anche   fra l’intero condominio ed “esterni”. Per esempio con l’ impresa che ha effettuato un intervento di straordinaria manutenzione, come il rifacimento della facciata dell’edificio o del tetto, e che non ha eseguito i lavori a regola d’arte; oppure che ha chiesto costi non previsti e non giustificati; o, ancora, che ha interrotto i lavori senza un giustificato motivo. Casi in cui spesso l’assemblea “trascina sul banco degli accusati” proprio l’amministratore condominiale stesso. “Effettivamente le cause con i fornitori di servizi   condominiali e, soprattutto, con le imprese che eseguono interventi di manutenzione dell’edificio, sono in aumento. Il motivo di queste vertenze dipende   spesso dal livello insufficiente della manodopera, poiché la crisi del settore edilizio ha reso sempre più frequente il ricorso a manodopera avventizia.Tuttavia la tutela del condominio come soggetto consumatore e la legge di riforma, che ha reso obbligatorio la costituzione di un fondo speciale per le opere di manutenzione straordinaria e per le innovazioni, dovrebbero agevolare il compito dell’amministratore nella gestione di questi rapporti contrattuali sia con le imprese appaltatrici, sia con gli stessi condomini”. Per risolvere queste liti senza ricorrere alla causa da qualche tempo esiste una nuova opportunità, esiste la possibilità di una  mediazione…. “Anzitutto va chiarito che la mediazione è un procedimento finalizzato alla conciliazione: non è quindi un processo e i mediatori non sono dei giudici. Il procedimento di mediazione è caratterizzato dalla speditezza dovendo durare, di norma, non più di tre mesi, e dall’assenza di formalità procedurali, salvo quelle previste nel regolamento dell’organismo davanti al quale viene presentata l’istanza di mediazione.” Per quali “problemi di vicinato”, per quali situazioni può essere utilizzata? “In generale può essere utilizzata per ogni vertenza, civile o commerciale, avente a oggetto diritti disponibili. In materia di controversie condominiali, come pure di diritti reali in genere e di divisioni, è divenuto obbligatorio il ricorso alla mediazione prima di iniziare la causa. Quindi se il giudice rileva il mancato preventivo esperimento della mediazione, rinvia la trattazione della causa ordinando alle parti di attivare il procedimento di mediazione obbligatorio”. Esistono solo  vantaggi  o anche eventuali svantaggi? “Nelle controversie condominiali la mediazione obbligatoria   può risultare particolarmente utile per il condominio, in quanto offre la possibilità di correggere eventuali errori di gestione, sia dell’amministratore sia dell’assemblea,   senza dove sostenere i costi legali di una causa. Una piccola controindicazione sta nel fatto che per poter partecipare al procedimento di mediazione l’amministratore dovrà, di regola, convocare in tempi ravvicinati almeno due assemblee nelle quali, per deliberare validamente, sarà necessario un numero elevato di presenze dei condomini: una situazione. questa, che spesso nei condomini di grandi dimensioni non è facile da realizzare e comporta comunque costi di convocazione non trascurabili, oltre ai costi del procedimento di mediazione. Per il resto non sussistono altre Controindicazioni, anche considerando che le parti non sono obbligate a raggiungere una conciliazione”.

Testo realizzato da Baskerville Comunicazione & Immagine srl per www.casavuoisapere.it

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il consiglio dell’architetto
Vorreste “ridisegnare” la casa? mandateci una mappa….
… indicando come vorreste modificare gli ambienti
Le vostre domande
Qui potete dialogare con i migliori esperti: dall’avvocato al commercialista, dal notaio all’architetto….
VITA CONDOMIIALE
Barbecue sul terrazzo o in giardino, cosa fare per evitare di avere “guai” con i vicini…
Tempo d’estate, tempo di serate all’aperto, sul terrazzo o in giardino, con un piatto di carne cucinata su un barbecue.
Il rischio, tuttavia, è quello di accendere, insieme al fuoco, anche l’ira dei vicini ....
cliccate qui per proseguire la lettura
Oggetti d’arredo
Cliccate qui per visualizzare gli oggetti d’arredo selezionati per voi da CasaVuoiSapere
Animali in casa
Cliccate nell’area “le vostre domande” per lasciare un quesito al dottor Ezio Caccianiga oppure inviate una e mail all’indirizzo di posta info@casavuoisapere.it Per contattare direttamente dottor Caccianiga, tel 335 230358 Leggi tutte le domande
Un fiore di casa
A cura di Emiliano Amadei, campione italiano fioristi. e mail: info@fioreriaamadei.it Tel. 035 530112 Leggi le domande e le risposte
Casa Vacanze
Saint-Maximin-la-Sainte-Baum La villa che tinge d’azzurro il verde della Provenza Leggi le proposte selezionate
La casa ideale per chi…
CASA VUOI VEDERE
L’acquirente
visita
casa vostra
on line
LAVORI IN CASA
L’artigiano
ti fa vedere
quanto è bravo
nel suo mestiere
Fabbri, falegnami e vetrai, imbianchini, idraulici, elettricisti, parquettisti e piastrellisti, installatori e manutentori d’impianti di riscaldamento o raffrescamento, impianti antifurto o domotici, antennisti, professionisti nel trattamento di cotto, parquet e marmo, nelle disinfestazioni, del giardinaggi… Cercate qui i migliori artigiani edili.
IL VOSTRO PROGETTO
Inviate info@casavuoisapere.it una mappa catastale (o una mappa sufficientemente chiara) di un appartamento che vorreste ristrutturate. Potreste avere un progetto gratis. A cura dell’architetto Roberto Canavesi
Per la vostra pubblicità

www.casavuoisapere.it
è un progetto editoriale Baskerville srl comunicazione & Immagine
via Garibaldi 26 Bergamo
tel 035.216.551


Consulenza tecnica
Daniele Gusmini
ULTIMI COMMENTI
 
Affitto troppo alto?...
Affitto a riscatto: ...
 
 
 
Catellani & Smith, l...
Mauro Piccamiglio vi...
 
 
Tasse, che stangata!...
 
 
 
 
 
 
 
 
Umidità e muffa, un...
Scale in legno e rin...
 
 
Vendere casa ma abit...
Condominio Casa clim...
Case nuove e già ve...
 
Attenti ai debiti di...
Il costo di una casa...
Le 10 regole per acq...
 
I Molini macinano af...
Almenno, le villette...
 
 
 
 
 
 
Il prezzo è giusto?...
 
 
 
Carlos De Carvalho...
Edilnova, 100 anni d...
 
 
Ridisegnamo casa vos...
Guatterini, la quali...
 
 
Val Brembana, le sec...
Stranieri in riva al...
 
 
Risparmio energetico...
 
 
 
Negozi, i borghi li ...
Ufficio in centro ad...
Il crollo dei capann...
 
Se il vicino è un n...
 
 
Ci sono oggetti d'arredo di cui vorremmo sbarazzarci e che magari altri stanno proprio cercando…. Per mettere on line l'usato (ma anche il nuovo) che volete vendere o acquistare basta inviare una e mail a casaviuoisapere@casavuoisapere.it o a baskerville@baskervillesrl.it con un breve testo descrittico, un contatto e mail / telefonico e un'idea del la cifra che vorreste ottenere / pagare…..