Lampade a led, così tagliate le bollette dell’85 per cento. E se spegnete la lucina rossa…

Quante volte vi siete messi al tavolino, calcolatrice e bollette alla mano, per cercare di capire quale oscuro meccanismo vi costringe periodicamente a sovvenzionare in modo spropositato alcune delle principali aziende che forniscono energia? E quante volte avete appallottolato le bollette, lanciato la calcolatrice e rinunciato a capire? Se vi immedesimate in questa descrizione, ecco  qualche consiglio utile per risparmiare  senza rinunciare al comfort. Partendo dall’energia. Qualche idea? Per esempio sostituire le tradizionali lampadine con quelle a led. Fare due conti può aiutare a capire in un attimo, giusto il tempo che serve per alzarsi ad accendere o spegnere una luce: per illuminare la propria casa un famiglia di quattro persone consuma circa 400 kilowattora l’anno, circa 60 euro. La spesa si ridurrebbe dell’85 per cento se, al posto di normali lampadine incandescenti, si utilizzassero lampade led che, tra l’altro, sono anche più ecologiche, non contenendo mercurio, e durano molto di più. Ma il risparmio passa anche attraverso altre scelte. Come, per esempio, quella di sostituire i vecchi elettrodomestici, approfittando anche dei contributi previsti per chi si libera dei vecchi apparati, veri e propri “mangiacorrente”, proprio per dotarsi di più moderni elettrodomestici in classe A o superiore. Nuovi frigoriferi, lavatrici e lavastoviglie, tv che la tecnologia ha “messo a dieta”, in quanto a consumi di energia. Sostituendo una lavatrice di classe C con una di classe A, per esempio, la spesa annuale si può ridurre di un terzo; passando da una lavastoviglie di classe C a una di classe A si possono risparmiare anche 100 kWh l’anno, pari a 15 euro. Il computer e tutte le sue periferiche hanno, invece, il logo Energy star per indicare un’efficienza superiore alla media, ma se li lasciate sempre in stand by continuano lo stesso a incidere sulla vostra bolletta. Così come il televisore, lo stereo e tutti gli apparecchi dormienti. La lucina rossa, insomma, è uno spreco. Secondo i calcoli degli esperti, cinque apparecchi in standby per una ventina di ore al giorno consumano circa 24 kwh a bimestre, quasi 4 euro. Se fate i conti, sono circa 25 euro al mese, uno degli esempi più evidenti di quanto alcune buone abitudini possano assicurare un risparmio considerevole. Altre buone abitudini sono chiudere i rubinetti quando ci si insapona e si lavano i denti, evitare di lavare i piatti lasciando scorrere l’acqua, usare lavatrice e lavastoviglie a temperature basse (40/60oC) a pieno carico, preferibilmente di sera, spegnere qualche minuto prima della fine della cottura del cibo le piastre elettriche e il forno per sfruttarne il calore residuo, ridurre i tempi di preriscaldamento del forno, cuocere in pentola a pressione gli alimenti con tempi di cottura lunghi, mettere in frigorifero solo cibi raffreddati, posizionare il frigorifero lontano da forno e lavastoviglie, installare valvole termostatiche sui termosifoni, evitare di coprire i termosifoni con tendaggi
o mobili, sfiatare i radiatori dei termosifoni, limitare l’uso del condizionatore d’estate regolandolo in modo che ci siano 5° C di differenza tra temperatura interna ed esterna.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il consiglio dell’architetto
Vorreste “ridisegnare” la casa? mandateci una mappa….
… indicando come vorreste modificare gli ambienti
Le vostre domande
Qui potete dialogare con i migliori esperti: dall’avvocato al commercialista, dal notaio all’architetto….
VITA CONDOMIIALE
Barbecue sul terrazzo o in giardino, cosa fare per evitare di avere “guai” con i vicini…
Tempo d’estate, tempo di serate all’aperto, sul terrazzo o in giardino, con un piatto di carne cucinata su un barbecue.
Il rischio, tuttavia, è quello di accendere, insieme al fuoco, anche l’ira dei vicini ....
cliccate qui per proseguire la lettura
Oggetti d’arredo
Cliccate qui per visualizzare gli oggetti d’arredo selezionati per voi da CasaVuoiSapere
Animali in casa
Cliccate nell’area “le vostre domande” per lasciare un quesito al dottor Ezio Caccianiga oppure inviate una e mail all’indirizzo di posta info@casavuoisapere.it Per contattare direttamente dottor Caccianiga, tel 335 230358 Leggi tutte le domande
Un fiore di casa
A cura di Emiliano Amadei, campione italiano fioristi. e mail: info@fioreriaamadei.it Tel. 035 530112 Leggi le domande e le risposte
Casa Vacanze
Saint-Maximin-la-Sainte-Baum La villa che tinge d’azzurro il verde della Provenza Leggi le proposte selezionate
La casa ideale per chi…
CASA VUOI VEDERE
L’acquirente
visita
casa vostra
on line
LAVORI IN CASA
L’artigiano
ti fa vedere
quanto è bravo
nel suo mestiere
Fabbri, falegnami e vetrai, imbianchini, idraulici, elettricisti, parquettisti e piastrellisti, installatori e manutentori d’impianti di riscaldamento o raffrescamento, impianti antifurto o domotici, antennisti, professionisti nel trattamento di cotto, parquet e marmo, nelle disinfestazioni, del giardinaggi… Cercate qui i migliori artigiani edili.
IL VOSTRO PROGETTO
Inviate info@casavuoisapere.it una mappa catastale (o una mappa sufficientemente chiara) di un appartamento che vorreste ristrutturate. Potreste avere un progetto gratis. A cura dell’architetto Roberto Canavesi
Per la vostra pubblicità

www.casavuoisapere.it
è un progetto editoriale Baskerville srl comunicazione & Immagine
via Garibaldi 26 Bergamo
tel 035.216.551


Consulenza tecnica
Daniele Gusmini
ULTIMI COMMENTI
 
Affitto troppo alto?...
Affitto a riscatto: ...
 
 
 
Catellani & Smith, l...
Mauro Piccamiglio vi...
 
 
Tasse, che stangata!...
 
 
 
 
 
 
 
 
Umidità e muffa, un...
Scale in legno e rin...
 
 
Vendere casa ma abit...
Condominio Casa clim...
Case nuove e già ve...
 
Attenti ai debiti di...
Il costo di una casa...
Le 10 regole per acq...
 
I Molini macinano af...
Almenno, le villette...
 
 
 
 
 
 
Il prezzo è giusto?...
 
 
 
Carlos De Carvalho...
Edilnova, 100 anni d...
 
 
Ridisegnamo casa vos...
Guatterini, la quali...
 
 
Val Brembana, le sec...
Stranieri in riva al...
 
 
Risparmio energetico...
 
 
 
Negozi, i borghi li ...
Ufficio in centro ad...
Il crollo dei capann...
 
Se il vicino è un n...
 
 
Ci sono oggetti d'arredo di cui vorremmo sbarazzarci e che magari altri stanno proprio cercando…. Per mettere on line l'usato (ma anche il nuovo) che volete vendere o acquistare basta inviare una e mail a casaviuoisapere@casavuoisapere.it o a baskerville@baskervillesrl.it con un breve testo descrittico, un contatto e mail / telefonico e un'idea del la cifra che vorreste ottenere / pagare…..