La politica? È una sanguisuga che succhia sangue dal mattone anche se moribondo

L’Italia è un Paese guidato da Governi che vogliono aiutare i cittadini, nella stragrande maggioranza dei casi, oltre l’80 per cento proprietari della prima casa, a vivere serenamente questa scelta, spessissimo frutto di decenni di lavoro e sacrifici, o piuttosto è un Paese al cui Governo ci sono solamente amministratori capaci soltanto di tassare questo bene rifugio, per gestire carrozzoni pubblici che non servono a nulla se non a bruciare miliardi di euro? Provate a fermare per strada le prime persone che incontrate, chiedete se sono proprietarie di un immobile, rivolgete loro questa domanda e con ogni probabilità nella stragrande maggioranza dei casi vi sentirete rispondere che la risposta esatta è la seconda. Già perché i proprietari di casa, negli ultimi anni, sono stati spesso scambiati per possidenti da mungere, fiscalmente parlando, come vacche, anche quando magari si tratta di contribuenti già tartassati che faticano ad arrivare a fine mese, come ripetutamente denunciato dai responsabili delle associazioni dei proprietari di case. Una categoria che non ne può più di una classe politica che sembra davvero essere capace solo di utilizzare chi lavora come fossero dei bancomat. Ma se per i proprietari di immobili a uso residenziale la situazione è pesantissima, c’è chi sta ancora peggio: sono i proprietari di immobili a uso commerciale, dai negozi ai capannoni che ospitano aziende e laboratori artigianali, per i quali la situazione è addirittura drammatica, come evidenzia uno studio sulla pressione fiscale esercitata dallo Stato realizzato dai responsabili dell’Ufficio studi della Cgia. Secondo l’analisi, infatti,  “dal 2011, ultimo anno in cui è stata pagata l’Ici, al 2016, l’incremento del carico fiscale sugli immobili a uso produttivo e commerciale è stato spaventoso”. Conti alla mano, denuncia il direttore Paolo Zabeo, “l’incremento del carico fiscale al lordo del risparmio fiscale sugli uffici ha toccato il 145,5 per cento. Per i negozi l’aumento è stato del 140,9 per cento, per i laboratori artigianali del 109,7 per cento, mentre per gli alberghi, per i grandi magazzini commerciali e per i capannoni industriali il prelievo è quasi raddoppiato”. Una situazione da incubo che avrebbe però potuto essere ancora peggiore se non ci fossero state, come ricordano sempre i responsabili di Cgia, “le misure di alleggerimento introdotte con la legge di Stabilità 2016, grazie alle quali quest’anno i proprietari di immobili risparmieranno 4,3 miliardi di euro: di cui 3,5 miliardi dall’eliminazione della Tasi sulla prima casa; 530 milioni dall’eliminazione dell’Imu sugli imbullonati; 160 milioni dall’ampliamento dell’esenzione Imu sui terreni agricoli; 81,4 milioni dallo sconto Imu-Tasi sugli affitti con canone concordato; 21 milioni dalla riduzione per i comodati d’uso e 16 milioni dall’abolizione della Tasi agli inquilini”. Tagli sufficienti per convincere i proprietari di immobili che lo Stato nei confronti del mattone non è un parassita che, come una sanguisuga, pensa solo a succhiare sangue sotto forma di tasse? Provate a chiederlo alle prime mille persone che incontrate per strada…

pubblicato il 21 Dicembre 2016 da
in L'analisi
commenti: 0

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il consiglio dell’architetto
Vorreste “ridisegnare” la casa? mandateci una mappa….
… indicando come vorreste modificare gli ambienti
Le vostre domande
Qui potete dialogare con i migliori esperti: dall’avvocato al commercialista, dal notaio all’architetto….
VITA CONDOMIIALE
Barbecue sul terrazzo o in giardino, cosa fare per evitare di avere “guai” con i vicini…
Tempo d’estate, tempo di serate all’aperto, sul terrazzo o in giardino, con un piatto di carne cucinata su un barbecue.
Il rischio, tuttavia, è quello di accendere, insieme al fuoco, anche l’ira dei vicini ....
cliccate qui per proseguire la lettura
Oggetti d’arredo
Cliccate qui per visualizzare gli oggetti d’arredo selezionati per voi da CasaVuoiSapere
Animali in casa
Cliccate nell’area “le vostre domande” per lasciare un quesito al dottor Ezio Caccianiga oppure inviate una e mail all’indirizzo di posta info@casavuoisapere.it Per contattare direttamente dottor Caccianiga, tel 335 230358 Leggi tutte le domande
Un fiore di casa
A cura di Emiliano Amadei, campione italiano fioristi. e mail: info@fioreriaamadei.it Tel. 035 530112 Leggi le domande e le risposte
Casa Vacanze
Saint-Maximin-la-Sainte-Baum La villa che tinge d’azzurro il verde della Provenza Leggi le proposte selezionate
La casa ideale per chi…
CASA VUOI VEDERE
L’acquirente
visita
casa vostra
on line
LAVORI IN CASA
L’artigiano
ti fa vedere
quanto è bravo
nel suo mestiere
Fabbri, falegnami e vetrai, imbianchini, idraulici, elettricisti, parquettisti e piastrellisti, installatori e manutentori d’impianti di riscaldamento o raffrescamento, impianti antifurto o domotici, antennisti, professionisti nel trattamento di cotto, parquet e marmo, nelle disinfestazioni, del giardinaggi… Cercate qui i migliori artigiani edili.
IL VOSTRO PROGETTO
Inviate info@casavuoisapere.it una mappa catastale (o una mappa sufficientemente chiara) di un appartamento che vorreste ristrutturate. Potreste avere un progetto gratis. A cura dell’architetto Roberto Canavesi
Per la vostra pubblicità

www.casavuoisapere.it
è un progetto editoriale Baskerville srl comunicazione & Immagine
via Garibaldi 26 Bergamo
tel 035.216.551


Consulenza tecnica
Daniele Gusmini
ULTIMI COMMENTI
 
Affitto troppo alto?...
Affitto a riscatto: ...
 
 
 
Catellani & Smith, l...
Mauro Piccamiglio vi...
 
 
Tasse, che stangata!...
 
 
 
 
 
 
 
 
Umidità e muffa, un...
Scale in legno e rin...
 
 
Vendere casa ma abit...
Condominio Casa clim...
Case nuove e già ve...
 
Attenti ai debiti di...
Il costo di una casa...
Le 10 regole per acq...
 
I Molini macinano af...
Almenno, le villette...
 
 
 
 
 
 
Il prezzo è giusto?...
 
 
 
Carlos De Carvalho...
Edilnova, 100 anni d...
 
 
Ridisegnamo casa vos...
Guatterini, la quali...
 
 
Val Brembana, le sec...
Stranieri in riva al...
 
 
Risparmio energetico...
 
 
 
Negozi, i borghi li ...
Ufficio in centro ad...
Il crollo dei capann...
 
Se il vicino è un n...
 
 
Ci sono oggetti d'arredo di cui vorremmo sbarazzarci e che magari altri stanno proprio cercando…. Per mettere on line l'usato (ma anche il nuovo) che volete vendere o acquistare basta inviare una e mail a casaviuoisapere@casavuoisapere.it o a baskerville@baskervillesrl.it con un breve testo descrittico, un contatto e mail / telefonico e un'idea del la cifra che vorreste ottenere / pagare…..