Compravendite di case in aumento: ma a far ripartire il mercato sono le svendite?

Sempre più immobili tappezzati di annunci “vendesi”, che sembrano moltiplicarsi di giorno in giorno. Sono la “spia” di un mercato immobiliare dove sempre più proprietari sono “in riserva” di contante e dunque costretti a vendere o, meglio, a svendere? Leggendo le più recenti analisi (e le previsioni) realizzate dagli esperti delle principali associazioni di agenti immobiliari non si trova una risposta a questa domanda: la maggior  parte dei commenti si limita infatti a parlare  di una ripresa delle compravendite, confermata anche per il 2019 (con un  traguardo posto attorno alle quota 580 mila operazioni immobiliari, circa 20mila in più rispetto a quelle del  2018 e  quasi 200mila rispetto alle 390 mila scarse dell’annus horribilis del mattone, il 2013, quando si toccò il fondo) e  per il  2020 (quando le transazioni dovrebbero sfiorare , sempre secondo le previsioni, quota 600mila), senza però evidenziare troppo  come a spingere quell’aumento dei volumi di transazioni ci sia quasi esclusivamente il crollo dei prezzi, di gran lunga inferiori rispetto a quelli di pochi anni fa. Crolli che spessissimo hanno riguardato le prime case, ovvero il frutto del lavoro di una vita messo sul mercato da migliaia di famiglie  per colpa di una crisi che la situazione politica attuale non sembra affatto in grado di fermare. Svendite, dunque, più che compravendite, favorite dai valori immobiliari che, eccettuato qualche caso, continuano peraltro la loro discesa, soprattutto nei centri minori, contrariamente a quanto accade in molti altri Paesi d’Europa dove invece il mercato immobiliare ha ricominciato a muoversi già da qualche anno. Una situazione aggravata, per di più,  dal considerevole numero di immobili finiti all’asta (perché chi aveva sottoscritto il mutuo non è stato più in grado di far fronte), fattore che con contribuissce certo a far rialzare o quantomeno a stabilizzare i prezzi sul mercato. Lasciando spalancate le porte a una facile previsione: con uno scenario che vede un’offerta di immobili ben più alta della domanda, c’è il  rischio di un’ulteriore contrazione dei valori, a tutto vantaggio degli acquirenti, facendo sì che sempre più i prezzi siano determinati da questi ultimi, con i venditori “in difficoltà” costretti ad accettare le condizioni  imposte. Cinque anni fa un’analisi delle compravendite “viste” dal lato del venditore, aveva evidenziato come la maggior parte delle persone avesse  venduto per migliorare la qualità abitativa (44,5 per cento dei casi), seguiti da coloro che avevano venduto per reperire liquidità (39,9 per cento): un anno prima i risultati erano ben diversi, con la vendita per migliorare la qualità abitativa che superava il 55 per cento del totale, mentre la percentuale di chi aveva venduto per reperire liquidità era “solo” del 26,6 per cento. Oggi un sondaggio analogo che risultati darebbe? Analizzare nuovi dati potrebbe aiutare a comprendere meglio le “ragioni” dietro le quinte dell’andamento del mercato immobiliare, magari evidenziando proprio che il puro e semplice aumento delle transazioni, dato comunque positivo, non mostra però sempre come “tutto oro quel che  luccica”. O , magari, potrebbe evidenziare che  anche dietro la  diminuzione dei tempi di vendita,  vista più o meno da tutti come una conferma del trend positivo, forse ha, a sua volta un’altra chiave di lettura. Come per esempio la fretta, da parte di chi non può più sostenere le spese per la casa, di monetizzare. I tempi di vendita dovrebbero ridursi ancora, come annuncia qualcuno con toni quasi trionfalistici? Potrebbe non essere un bel sintomo… Potrebbe per esempio solo significare che una lunghissima crisi economica (e una politica che ci ha messo del suo per sgretolare il mattone)  hanno fatto svanire per moltissimi quello che è sempre stato uno dei più grandi sogni degli italiani: possedere una casa.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il consiglio dell’architetto
Vorreste “ridisegnare” la casa? mandateci una mappa….
… indicando come vorreste modificare gli ambienti
Le vostre domande
Qui potete dialogare con i migliori esperti: dall’avvocato al commercialista, dal notaio all’architetto….
VITA CONDOMIIALE
Barbecue sul terrazzo o in giardino, cosa fare per evitare di avere “guai” con i vicini…
Tempo d’estate, tempo di serate all’aperto, sul terrazzo o in giardino, con un piatto di carne cucinata su un barbecue.
Il rischio, tuttavia, è quello di accendere, insieme al fuoco, anche l’ira dei vicini ....
cliccate qui per proseguire la lettura
Oggetti d’arredo
Cliccate qui per visualizzare gli oggetti d’arredo selezionati per voi da CasaVuoiSapere
Animali in casa
Cliccate nell’area “le vostre domande” per lasciare un quesito al dottor Ezio Caccianiga oppure inviate una e mail all’indirizzo di posta info@casavuoisapere.it Per contattare direttamente dottor Caccianiga, tel 335 230358 Leggi tutte le domande
Un fiore di casa
A cura di Emiliano Amadei, campione italiano fioristi. e mail: info@fioreriaamadei.it Tel. 035 530112 Leggi le domande e le risposte
Casa Vacanze
Saint-Maximin-la-Sainte-Baum La villa che tinge d’azzurro il verde della Provenza Leggi le proposte selezionate
La casa ideale per chi…
CASA VUOI VEDERE
L’acquirente
visita
casa vostra
on line
LAVORI IN CASA
L’artigiano
ti fa vedere
quanto è bravo
nel suo mestiere
Fabbri, falegnami e vetrai, imbianchini, idraulici, elettricisti, parquettisti e piastrellisti, installatori e manutentori d’impianti di riscaldamento o raffrescamento, impianti antifurto o domotici, antennisti, professionisti nel trattamento di cotto, parquet e marmo, nelle disinfestazioni, del giardinaggi… Cercate qui i migliori artigiani edili.
IL VOSTRO PROGETTO
Inviate info@casavuoisapere.it una mappa catastale (o una mappa sufficientemente chiara) di un appartamento che vorreste ristrutturate. Potreste avere un progetto gratis. A cura dell’architetto Roberto Canavesi
Per la vostra pubblicità

www.casavuoisapere.it
è un progetto editoriale Baskerville srl comunicazione & Immagine
via Garibaldi 26 Bergamo
tel 035.216.551


Consulenza tecnica
Daniele Gusmini
ULTIMI COMMENTI
 
Affitto troppo alto?...
Affitto a riscatto: ...
 
 
 
Catellani & Smith, l...
Mauro Piccamiglio vi...
 
 
Tasse, che stangata!...
 
 
 
 
 
 
 
 
Umidità e muffa, un...
Scale in legno e rin...
 
 
Vendere casa ma abit...
Condominio Casa clim...
Case nuove e già ve...
 
Attenti ai debiti di...
Il costo di una casa...
Le 10 regole per acq...
 
I Molini macinano af...
Almenno, le villette...
 
 
 
 
 
 
Il prezzo è giusto?...
 
 
 
Carlos De Carvalho...
Edilnova, 100 anni d...
 
 
Ridisegnamo casa vos...
Guatterini, la quali...
 
 
Val Brembana, le sec...
Stranieri in riva al...
 
 
Risparmio energetico...
 
 
 
Negozi, i borghi li ...
Ufficio in centro ad...
Il crollo dei capann...
 
Se il vicino è un n...
 
 
Ci sono oggetti d'arredo di cui vorremmo sbarazzarci e che magari altri stanno proprio cercando…. Per mettere on line l'usato (ma anche il nuovo) che volete vendere o acquistare basta inviare una e mail a casaviuoisapere@casavuoisapere.it o a baskerville@baskervillesrl.it con un breve testo descrittico, un contatto e mail / telefonico e un'idea del la cifra che vorreste ottenere / pagare…..