Stangata catasto in arrivo: le tasse potranno aumentare anche del 300 per cento

Caro catasto, quanto ci costerai? È questa la domanda che milioni di italiani si stanno ponendo dopo l’annuncio che  la riforma del catasto, annunciata più volte in passato ma mai realizzata, sta per diventare una realtà dopo il via libera della Commissione Finanze del Senato che ha dato il via libera al primo decreto attuativo della riforma, con l’obiettivo di “riavvicinare i valori catastali degli immobili italiani ai reali valori di mercato”. Una vera e propria rivoluzione nel mercato immobiliare  destinata a cambiare, in peggio, in particolar modo per le case in centro e gli stabili d’epoca, i conti dei proprietari d’immobili, aumentando il carico fiscale. In attesa di un ricalcolo delle imposte sugli immobili, è già possibile calcolare quali città verranno maggiormente toccate dagli aumenti: in base alle prime stime, le 10 città chiamate a pagare il conto più salato  saranno Pistoia, Pesaro, Messina, Lucca, Imperia, Trento, Venezia, Rimini, Cuneo e Asti, ovvero i capoluoghi di provincia in cui i valori catastali risultano più distanti dalle reali quotazioni medie del mercato, con differenze, fra valore reale e valore catastale, anche del 300 per cento, contro una media nazionale del 68 per cento.

La differenza fra il valore reale di un immobile e il suo valore catastale arriva al 300 per cento

È  il caso proprio di Pistoia, dove  si pagano  Imu e Tasi su una base imponibile media di 73mila euro circa, quando il valore di mercato è di ben 281mila. Le 10 città con minor probabilità di aumento della base imponibile con la riforma sono invece Pordenone, Padova, Mantova, Biella, Taranto, Torino, Brindisi, Viterbo, Lecco e Como, dove il valore catastale è già prossimo a quello reale.

A subire gli aumenti maggiori saranno  i proprietari di abitazioni di categoria A/3 in centro e in case d’epoca

Per quanto riguarda le categorie catastali, a subire gli aumenti saranno  i proprietari di abitazioni di categoria A/3 ( che con gli immobili iscritti in categoria A/2 costituiscono nel complesso l’80 per cento delle abitazioni)  ma la situazione è ancora tutta da definire  anche perché la “mappa” delle categoria catastali cambia moltissimo da città a città,  con Bologna che presenta addirittura il  70 per cento delle abitazioni in categoria A/3, contro iil 62 per cento di Milano e addirittura il solo 21 per cento di Napoli.

Il calcolo non si farà più in base ai vani ma ai metri quadrati, alle microzone e alla tipologia

Una cosa sembra certa: la riforma  cambierà il principio stesso per il calcolo delle rendite catastali, passando dal numero dei vani ai metri quadrati, dividendo  il territorio in microzone e le case in  immobili-tipo a partire dai quali calcolare, con un algoritmo, il valore patrimoniale. Una riforma attesa da anni, per mettere ordine in una situazione dei catasti italiani disastrosa, confusionaria, e non più al passo con i tempi: basti pensare che fra i requisiti  per essere inseriti in categoria A/1, ovvero signorile,  figura la dotazione dell’ascensore, un servizio di lusso in un’epoca passata ma presente da decenni  negli standard costruttivi di edifici popolari.

Veneto: Venezia deve colmare un “buco” del 219 per cento, Padova appena del 26

In Veneto la stangata colpirà in particolar modo Venezia,  dove il divario fra valore di mercato e catastale è del  è del 219 per cento, mentre possono tirare un sospiro di sollievo i proprietari d’immobili  di Padova  dove il divario è di appena il 26 per cento. In mezzo ci sono  Treviso (144 per cento), Vicenza (131 per cento); Belluno (105 per cento), Rovigo (98 per cento) e Verona (66 per cento).

Testo realizzato da Baskerville srl per www.casavuoisapere.it

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Gianfranco ha detto:

    Uno Stato che massacra di tasse gente che a spesso ha lavorato una vita intera per comprarsi una casetta merita qualche forma di rispetto?

  • CasaVuoiSapre - segui questo postSegui discussione
    Il consiglio dell’architetto
    Vorreste “ridisegnare” la casa? mandateci una mappa….
    … indicando come vorreste modificare gli ambienti
    Le vostre domande
    Qui potete dialogare con i migliori esperti: dall’avvocato al commercialista, dal notaio all’architetto….
    VITA CONDOMIIALE
    Barbecue sul terrazzo o in giardino, cosa fare per evitare di avere “guai” con i vicini…
    Tempo d’estate, tempo di serate all’aperto, sul terrazzo o in giardino, con un piatto di carne cucinata su un barbecue.
    Il rischio, tuttavia, è quello di accendere, insieme al fuoco, anche l’ira dei vicini ....
    cliccate qui per proseguire la lettura
    Oggetti d’arredo
    Cliccate qui per visualizzare gli oggetti d’arredo selezionati per voi da CasaVuoiSapere
    Animali in casa
    Cliccate nell’area “le vostre domande” per lasciare un quesito al dottor Ezio Caccianiga oppure inviate una e mail all’indirizzo di posta info@casavuoisapere.it Per contattare direttamente dottor Caccianiga, tel 335 230358 Leggi tutte le domande
    Un fiore di casa
    A cura di Emiliano Amadei, campione italiano fioristi. e mail: info@fioreriaamadei.it Tel. 035 530112 Leggi le domande e le risposte
    Casa Vacanze
    Saint-Maximin-la-Sainte-Baum La villa che tinge d’azzurro il verde della Provenza Leggi le proposte selezionate
    La casa ideale per chi…
    CASA VUOI VEDERE
    L’acquirente
    visita
    casa vostra
    on line
    LAVORI IN CASA
    L’artigiano
    ti fa vedere
    quanto è bravo
    nel suo mestiere
    Fabbri, falegnami e vetrai, imbianchini, idraulici, elettricisti, parquettisti e piastrellisti, installatori e manutentori d’impianti di riscaldamento o raffrescamento, impianti antifurto o domotici, antennisti, professionisti nel trattamento di cotto, parquet e marmo, nelle disinfestazioni, del giardinaggi… Cercate qui i migliori artigiani edili.
    IL VOSTRO PROGETTO
    Inviate info@casavuoisapere.it una mappa catastale (o una mappa sufficientemente chiara) di un appartamento che vorreste ristrutturate. Potreste avere un progetto gratis. A cura dell’architetto Roberto Canavesi
    Per la vostra pubblicità

    www.casavuoisapere.it
    è un progetto editoriale Baskerville srl comunicazione & Immagine
    via Garibaldi 26 Bergamo
    tel 035.216.551


    Consulenza tecnica
    Daniele Gusmini
    ULTIMI COMMENTI
     
    Affitto troppo alto?...
    Affitto a riscatto: ...
     
     
     
    Catellani & Smith, l...
    Mauro Piccamiglio vi...
     
     
    Tasse, che stangata!...
     
     
     
     
     
     
     
     
    Umidità e muffa, un...
    Scale in legno e rin...
     
     
    Vendere casa ma abit...
    Condominio Casa clim...
    Case nuove e già ve...
     
    Attenti ai debiti di...
    Il costo di una casa...
    Le 10 regole per acq...
     
    I Molini macinano af...
    Almenno, le villette...
     
     
     
     
     
     
    Il prezzo è giusto?...
     
     
     
    Carlos De Carvalho...
    Edilnova, 100 anni d...
     
     
    Ridisegnamo casa vos...
    Guatterini, la quali...
     
     
    Val Brembana, le sec...
    Stranieri in riva al...
     
     
    Risparmio energetico...
     
     
     
    Negozi, i borghi li ...
    Ufficio in centro ad...
    Il crollo dei capann...
     
    Se il vicino è un n...
     
     
    Ci sono oggetti d'arredo di cui vorremmo sbarazzarci e che magari altri stanno proprio cercando…. Per mettere on line l'usato (ma anche il nuovo) che volete vendere o acquistare basta inviare una e mail a casaviuoisapere@casavuoisapere.it o a baskerville@baskervillesrl.it con un breve testo descrittico, un contatto e mail / telefonico e un'idea del la cifra che vorreste ottenere / pagare…..