Voglio andare a vivere in campagna. Per fuggire da smog, stress e costi della città

Voglio andare a vivere in campagna. Così cantava Toto Cotugno. Lo sognava davvero? Se sì, non era il solo. E non lo sarebbe neanche oggi, a distanza di  22 anni dal brano presentato al Festival di Sanremo. Lo desiderano fortemente anche molte famiglie che abitano in città e che traslocherebbero volentieri a contatto con la natura. Anche se a precise condizioni, come confermano Alessandro Nobile, team manager e Alfredo Zappella, architetto di Engel&Volkers Bergamo che da  tempo  stanno “analizzando” questo fenomeno per capirne le evoluzioni.  Scoprendo che il desiderio di fuggire dalla città non è motivato certo dalla voglia di essere “bagnati dalla rugiada”, come cantava sempre Toto Cutugno, ma soprattutto dal sogno di poter  tenere davvero a debita distanza, dopo anni o decenni di convivenza forzata, traffico e smog, rumore e stress.  Lo stesso sogno che era stato “rivelato” pochi anni fa da un’indagine presentata a un Salone dell’agriturismo e che è tornato oggi a fare  tendenza. “Un desiderio che sta riaffiorando, motivato sempre dalla vita spesso troppo “problematica” delle grandi città, ma anche dal costo della vita, considerata la possibilità di acquistare in campagna  immobili di metratura superiore e tipologia abitativa difficilmente ritrovabile in città come per esempio le ville e villini singoli con parco e piscina privata, s enza dimenticare che può essere molto attraente l’idea di  vivere circondati dalla natura”, confermano Alessandro Nobile e Alfredo Zappella,  precisando però subito che si tratta di  una scelta che riguarda soprattutto “quei Comuni capaci di offrire una migliore qualità della vita, servizi primari efficienti e una buona condizione sociale”.  Non tutta la campagna dunque attira, nonostante recenti ricerche abbiano confermato come sia sufficiente vivere lontano dalla città per avere dei benefici perfino a livello cerebrale, con la mente meno  colpita dallo stress. Ricerche che testimoniano come nella “gente di città”  le regioni celebrali che regolano le emozioni e l’ansia siano  iper-attive, al contrario dei campagnoli, con  la popolazione urbana che ende ad avere maggiormente problemi mentali, dalla depressione alla schizofrenia, rispetto a coloro che vivono nel verde e, spesso, nel silenzio. ” In un mondo sempre più attento al benessere, alla salute, anche questa è una delle possibili ragioni”, proseguono Alessandro Nobile e Alfredo Zappella, “Indubbiamente i ritmi e lo stress della città incidono negativamente sulla qualità della vita e di conseguenza sull’organismo; per questo chi ne ha la possibilità sceglie la quiete e la tranquillità di certi luoghi di provincia che risultano essere un ottimo antidoto allo stress e contribuiscono alla serenità familiare. Ma sembra avere un certo appeal anche disporre di un orto dove poter coltivare diversi prodotti e, dunque, sempre riferendoci al desiderio di salute, sapere cosa si mangia. Chi sogna di trasferirsi in campagna chiede anche  spazi da coltivare, anche se tale richiesta è soprattutto rivolta dal cliente internazionale mentre tendenzialmente il cliente italiano non chiede espressamente degli spazi da coltivare bensì più genericamente spazi a giardino per poter condurre anche all’esterno la propria vita familiare e sociale. Salvo poi scoprire che, in alcuni casi,hanno adibito parte di tali spazi proprio a orto o frutteto o altro per soddisfare le proprie passioni”. Altra possibile ragione per vivere in campagna: trasformare la casa  in agriturismo o B&B, magari anche per trovare nuove entrate familiari in momenti economicamente difficili? “L’acquisto oggi di una casa in campagna per svolgere attività di agriturismo o B&B é soprattutto legato alle zone maggiormente turistiche. Per il resto sono soprattutto le aziende agricole già esistenti che trasformano parte del loro patrimonio immobiliare per attività complementari che possano generare reddito”. La voce “costi” ha un peso particolare nelle scelte, soprattutto in periodi di difficoltà? Acquistare casa in campagna presenta reali vantaggi economici? “L’acquisto in campagna è maggiormente legato alla qualità della vita e alla tipologia di casa più che ai reali vantaggi economici.” Chi è a chiedere in particolar modo case fuori dalla città? Famiglie (genitori desiderosi di far crescere i bimbi in ambienti più “sani”?  “Soprattutto famiglie; a seguire giovani coppie”. Esiste “il ragazzo della via Gluck”,  cantato da Celentano che da giovane ha dovuto lasciare la campagna per andare in città e che la rimpiange molto? C’è chi ha dovuto lasciare la campagna e sogna di tornare a ritrovare le proprie radici? “Si esiste. L’italiano è tendenzialmente legato alle proprie radici. Non solo chi ha lasciato la campagna per la città ma anche gli emigranti che hanno lasciato l’Italia e che ora volentieri tornano al loro paese d’origine”. I giovani però tendenzialmente “fuggono” dalle campagne per la città, perché la campagna è lontana da tutto, non offre gli stessi servizi che si possono trovare in città, la stessa vita sociale. C’è qualche giovane in controtendenza? E per quali ragioni? “Si qualche giovane in controtendenza c’è. Il giovane è ormai abituato alla mobilità per ragioni di studio o di lavoro per cui scegliere una casa in campagna invece che in città non è sempre un vero ostacolo alla propria vita sociale e al godimento di servizi primari”. Le nuove tecnologie (per esempio la possibilità di “studiare a distanza” grazie ai computer), può influire in questa scelta? “Per ora non si notano significativi utilizzi di tali sistemi a causa anche di una connessione internet molto lenta e assenza della banda larga nelle aree non troppo urbanizzate, soprattutto in montagna”. Spessissimo la fuga dalle campagne verso le città è stata motivata dalla ricerca di un lavoro. Oggi qualche volta accade il contrario: si va in campagna perché può offrire nuove opportunità, soprattutto legate al turismo e all’enogastronomia, perfino per salvare tradizioni e colture a rischio estinzione… “Vero, ma ancora in minima misura”. Vicinanza di negozi o scuole, frequenza e vicinanza di servizi pubblici…. Quali sono i fattori che non “possono” mancare per chi sta valutando l’ipotesi di trasferirsi in una zona di campagna? “Le richieste sono piuttosto esigenti e tutti i servizi elencati sono ritenuti importanti ai fini della scelta di trasferirsi in campagna”. Quali sono le aree della provincia bergamasca più ambite da chi vuol vivere in campagna? “La parte nord ed est di Bergamo ha una maggiore richiesta da clienti internazionali che apprezzano la conformazione collinare e quindi la qualità ambientale; la parte sud e ovest ha invece una maggiore richiesta legata al mercato milanese per ragioni di mobilità.  Che tipo di immobili sono i più richiesti? Soprattutto ville e dimore importanti; villini con giardino e, per chi ha disponibilità di spesa maggiore, piscina”.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ULTIMI COMMENTI
Per la vostra pubblicità

Il consiglio dell’architetto
Vorreste “ridisegnare” la casa? mandateci una mappa….
… indicando come vorreste modificare gli ambienti
Le vostre domande
Qui potete dialogare con i migliori esperti: dall’avvocato al commercialista, dal notaio all’architetto….
VITA CONDOMIIALE
Barbecue sul terrazzo o in giardino, cosa fare per evitare di avere “guai” con i vicini…
Tempo d’estate, tempo di serate all’aperto, sul terrazzo o in giardino, con un piatto di carne cucinata su un barbecue.
Il rischio, tuttavia, è quello di accendere, insieme al fuoco, anche l’ira dei vicini ....
cliccate qui per proseguire la lettura
Oggetti d’arredo
Cliccate qui per visualizzare gli oggetti d’arredo selezionati per voi da CasaVuoiSapere
Animali in casa
Cliccate nell’area “le vostre domande” per lasciare un quesito al dottor Ezio Caccianiga oppure inviate una e mail all’indirizzo di posta info@casavuoisapere.it Per contattare direttamente dottor Caccianiga, tel 335 230358 Leggi tutte le domande
Un fiore di casa
A cura di Emiliano Amadei, campione italiano fioristi. e mail: info@fioreriaamadei.it Tel. 035 530112 Leggi le domande e le risposte
Casa Vacanze
Saint-Maximin-la-Sainte-Baum La villa che tinge d’azzurro il verde della Provenza Leggi le proposte selezionate
La casa ideale per chi…
CASA VUOI VEDERE
L’acquirente
visita
casa vostra
on line
LAVORI IN CASA
L’artigiano
ti fa vedere
quanto è bravo
nel suo mestiere
Fabbri, falegnami e vetrai, imbianchini, idraulici, elettricisti, parquettisti e piastrellisti, installatori e manutentori d’impianti di riscaldamento o raffrescamento, impianti antifurto o domotici, antennisti, professionisti nel trattamento di cotto, parquet e marmo, nelle disinfestazioni, del giardinaggi… Cercate qui i migliori artigiani edili.
IL VOSTRO PROGETTO
Inviate info@casavuoisapere.it una mappa catastale (o una mappa sufficientemente chiara) di un appartamento che vorreste ristrutturate. Potreste avere un progetto gratis. A cura dell’architetto Roberto Canavesi
www.casavuoisapere.it
è un progetto editoriale Baskerville srl comunicazione & Immagine
via Garibaldi 26 Bergamo
tel 035.216.551


Consulenza tecnica
Daniele Gusmini
I MIGLIORI AFFARI SELEZIONATI PER VOI
Acquista casa e scegli tu il numero dei locali, i metri quadrati, le rifiniture…
LEGGETE ANCHE LE PROPOSTE DI
Engel & Völkers Fox Agency Costruzioni Agazzi Srl
GUARDATE ANCHE I VIDEO
Caldaie a legna Visita la casa dal tuo computer
La casa vi piace. Ma abitarci sarà davvero bello? Nella via, nelle vicinanze ci sono servizi pubblici e posteggi? Aree verdi e impianti sportivi? Negozi, ristoranti e farmacie?
Agenti immobiliari? Scaricate qui il pdf del questionario per dare la vostra valutazione dei servizi nella via o nel Paese….
 
Affitto troppo alto?...
Affitto a riscatto: ...
 
 
 
Catellani & Smith, l...
Mauro Piccamiglio vi...
 
 
Tasse, che stangata!...
 
 
 
 
 
 
 
 
Umidità e muffa, un...
Scale in legno e rin...
 
 
Vendere casa ma abit...
Condominio Casa clim...
Case nuove e già ve...
 
Attenti ai debiti di...
Il costo di una casa...
Le 10 regole per acq...
 
I Molini macinano af...
Almenno, le villette...
 
 
 
 
 
 
Il prezzo è giusto?...
 
 
 
Carlos De Carvalho...
Edilnova, 100 anni d...
 
 
Ridisegnamo casa vos...
Guatterini, la quali...
 
 
Val Brembana, le sec...
Stranieri in riva al...
 
 
Risparmio energetico...
 
 
 
Negozi, i borghi li ...
Ufficio in centro ad...
Il crollo dei capann...
 
Se il vicino è un n...
 
 
Ci sono oggetti d'arredo di cui vorremmo sbarazzarci e che magari altri stanno proprio cercando…. Per mettere on line l'usato (ma anche il nuovo) che volete vendere o acquistare basta inviare una e mail a casaviuoisapere@casavuoisapere.it o a baskerville@baskervillesrl.it con un breve testo descrittico, un contatto e mail / telefonico e un'idea del la cifra che vorreste ottenere / pagare…..