Il tavolo che ha fatto innamorare il principe? Non poteva avere che un design da favola

Ci sono arredatori che hanno fatto felici centinaia, migliaia di persone, realizzando progetti per personalizzare un appartamento, oppure creando oggetti dal design unico. Paolo Vergalli, giovane designer bergamasco, è uno di questi. Ma con una particolarità che lo ha reso unico: con uno dei suoi disegni ha realizzato il sogno di una persona davvero particolarissima, il principe Alberto di Monaco che per arredare il suo ufficio nel nuovo Yacht Club monegasco, firmato dall’archistar Norman Foster, ha voluto proprio il tavolo a bitta creato dal designer bergamasco ispirandosi  alla tozza e robusta colonna in ferro, pietra o il legno che si trova sulle banchine dei porti e sui ponti delle imbarcazioni e alla quale vengono legati o avvolti i cavi per l’ormeggio. Un riconoscimento ancor più straordinario se si pensa che per “approdare” nell’ufficio di sua altezza serenissima il Bitt, come è stato chiamato il tavolo, ha dovuto superare le durissime selezioni previste per entrare a far parte del ristretto gruppo di “creativi” protagonisti della “Collettiva di artisti contemporanei italiani”, realizzata  in collaborazione con Yacht Club Monaco nel contesto dell’evento Yachting&art “YA! 2014”,  prodotta da Bernard D’Alessandri e curata da Paola Magni. Realizzato in marmo e corian, materiale composito “inventato” alla fine degli anni 60, il tavolo che ha fatto innamorare il Principe Alberto è color bianco ma è ovviamente realizzabile in altre varianti sia di tonalità sia di materiali, come ha spiegato lo stesso Paolo Vergalli  interpellato da un noto imprenditore del settore nautico intenzionato a proporre il Bitt per l’arredo di uno yacht di un cliente russo. Un oggetto d’arredo divenuto, nello spazio di pochi mesi, un biglietto da visita internazionale per il designer bergamasco figlio d’arte (il papà è stato un preziosissimo consulente di importanti aziende di produzione di cucine, mobili e complementi d’arredo) dal 2001 al timone di un piccolo “equipaggio” di architetti e ingegneri, la Vergalli Design & Furniture, con sede a Bergamo in via Baioni 5A, società, spiega Paolo Vergalli, nata con l’obiettivo “di realizzare i sogni del cliente, sia dando corpo a una sua semplice idea, sia proponendo nuove soluzioni, progettando ogni singolo componente d’ arredo sia per abitazioni private sia per aziende e per edifici pubblici”.

Ha arredato case e negozi a Bergamo, Venezia, Londra e in Africa

Una società protagonista, negli anni, di moltissimi progetti d’arredo: per case e negozi nella propria città,  ma anche in Italia e all’estero. Come per esempio a Venezia, dove Paolo Vergalli ha ristrutturando interni di edifici storici come un famosissimo bar nel centro di Venezia, o curando il rifacimento degli interni di Palazzo Falier, uno dei più affascinanti edifici del Canal grande. Come in Africa, dove il designer bergamasco ha collaborato alla realizzazione di una vera e propria “reggia”. O come a Londra dove è stato protagonista della riprogettazione di un super attico nel centro della City. 

Dalla sua fantasia è nata anche la libreria pianoforte

Progetti e oggetti che l’interior designer quarantenne, “papà”, tra gli altri, della libreria “Le pianò”, formata da una struttura divisa a scomparti per ospitare i volumi e da una base con la forma e i colori della tastiera di un pianoforte, realizza  miscelando la propria fantasia con l’utilizzo di moderni strumenti di lavoro come i programmi personalizzati di progettazione in 3d, che permettono al cliente di osservare perfettamente ogni nuovo avanzamento del lavoro mostrando come sarà il progetto una volta finito.

Un corso di psicologia l’ha aiutato a interpretare i desideri dei clienti

Ma soprattutto aggiungendo un altro ingrediente: la psicologia. La capacità di  interpretare i desideri dei clienti che Paolo Vergalli ha affinato frequentando per due anni un corso perché, “la parte più difficile del lavoro è quella psicologica, l’arte di riuscire a immedesimarsi con i clienti, a sintonizzarsi sulla loro lunghezza d’onda”.

Testo realizzato da Baskerville srl Comunicazione & Immagine per www.casavuoisapere.it

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ULTIMI COMMENTI
Per la vostra pubblicità

Il consiglio dell’architetto
Vorreste “ridisegnare” la casa? mandateci una mappa….
… indicando come vorreste modificare gli ambienti
Le vostre domande
Qui potete dialogare con i migliori esperti: dall’avvocato al commercialista, dal notaio all’architetto….
VITA CONDOMIIALE
Barbecue sul terrazzo o in giardino, cosa fare per evitare di avere “guai” con i vicini…
Tempo d’estate, tempo di serate all’aperto, sul terrazzo o in giardino, con un piatto di carne cucinata su un barbecue.
Il rischio, tuttavia, è quello di accendere, insieme al fuoco, anche l’ira dei vicini ....
cliccate qui per proseguire la lettura
Oggetti d’arredo
Cliccate qui per visualizzare gli oggetti d’arredo selezionati per voi da CasaVuoiSapere
Animali in casa
Cliccate nell’area “le vostre domande” per lasciare un quesito al dottor Ezio Caccianiga oppure inviate una e mail all’indirizzo di posta info@casavuoisapere.it Per contattare direttamente dottor Caccianiga, tel 335 230358 Leggi tutte le domande
Un fiore di casa
A cura di Emiliano Amadei, campione italiano fioristi. e mail: info@fioreriaamadei.it Tel. 035 530112 Leggi le domande e le risposte
Casa Vacanze
Saint-Maximin-la-Sainte-Baum La villa che tinge d’azzurro il verde della Provenza Leggi le proposte selezionate
La casa ideale per chi…
CASA VUOI VEDERE
L’acquirente
visita
casa vostra
on line
LAVORI IN CASA
L’artigiano
ti fa vedere
quanto è bravo
nel suo mestiere
Fabbri, falegnami e vetrai, imbianchini, idraulici, elettricisti, parquettisti e piastrellisti, installatori e manutentori d’impianti di riscaldamento o raffrescamento, impianti antifurto o domotici, antennisti, professionisti nel trattamento di cotto, parquet e marmo, nelle disinfestazioni, del giardinaggi… Cercate qui i migliori artigiani edili.
IL VOSTRO PROGETTO
Inviate info@casavuoisapere.it una mappa catastale (o una mappa sufficientemente chiara) di un appartamento che vorreste ristrutturate. Potreste avere un progetto gratis. A cura dell’architetto Roberto Canavesi
www.casavuoisapere.it
è un progetto editoriale Baskerville srl comunicazione & Immagine
via Garibaldi 26 Bergamo
tel 035.216.551


Consulenza tecnica
Daniele Gusmini
I MIGLIORI AFFARI SELEZIONATI PER VOI
Acquista casa e scegli tu il numero dei locali, i metri quadrati, le rifiniture…
LEGGETE ANCHE LE PROPOSTE DI
Engel & Völkers Fox Agency Costruzioni Agazzi Srl
GUARDATE ANCHE I VIDEO
Caldaie a legna Visita la casa dal tuo computer
La casa vi piace. Ma abitarci sarà davvero bello? Nella via, nelle vicinanze ci sono servizi pubblici e posteggi? Aree verdi e impianti sportivi? Negozi, ristoranti e farmacie?
Agenti immobiliari? Scaricate qui il pdf del questionario per dare la vostra valutazione dei servizi nella via o nel Paese….
 
Affitto troppo alto?...
Affitto a riscatto: ...
 
 
 
 
 
 
 
 
Catellani & Smith, l...
Mauro Piccamiglio vi...
 
 
Tasse, che stangata!...
 
 
 
 
 
 
 
 
Umidità e muffa, un...
Scale in legno e rin...
 
 
Vendere casa ma abit...
Condominio Casa clim...
Case nuove e già ve...
 
Attenti ai debiti di...
Il costo di una casa...
Le 10 regole per acq...
 
I Molini macinano af...
Almenno, le villette...
 
 
 
 
 
 
Il prezzo è giusto?...
 
 
 
Carlos De Carvalho...
Edilnova, 100 anni d...
 
 
Ridisegnamo casa vos...
Guatterini, la quali...
 
 
Val Brembana, le sec...
Stranieri in riva al...
 
 
Risparmio energetico...
 
 
 
Negozi, i borghi li ...
Ufficio in centro ad...
Il crollo dei capann...
 
Se il vicino è un n...
 
 
Ci sono oggetti d'arredo di cui vorremmo sbarazzarci e che magari altri stanno proprio cercando…. Per mettere on line l'usato (ma anche il nuovo) che volete vendere o acquistare basta inviare una e mail a casaviuoisapere@casavuoisapere.it o a baskerville@baskervillesrl.it con un breve testo descrittico, un contatto e mail / telefonico e un'idea del la cifra che vorreste ottenere / pagare…..